Florida, laurea ad honorem postuma a Tom Petty

L’università locale ha conferito al cantautore scomparso nel 2017 un dottorato in musica
Florida, laurea ad honorem postuma a Tom Petty

Il cda dell’Università della Florida, ateneo fondato nel 1853 con sede a Gainesville, città che nel 1950 diede i natali a Tom Petty, ha conferito proprio allo scomparso leader degli Heartbreakers una laurea honoris causa - postuma - in musica. “E’ considerato all’unanimità uno dei musicisti più influenti degli ultimi cinquant’anni”, ha spiegato - riferisce la testata locale Tampa Bay Times - il rettore dell’ateneo Joseph Glover nel corso della cerimonia di assegnazione: “La sua presenza rimane significativa, come si vede dai numerosi passaggi radiofonici delle sue canzoni e dalla popolarità di eventi come la sua festa di compleanno che si tiene qui a Gainesville. Nel nostro campus, la celebre ‘I Won't Back Down’ è diventata un inno in occasione degli eventi sportivi: personalmente, l'ho sentita cantare persino dal presidente della nostra università, Kent Fuchs”.

Quella appena assegnata dall’Università della Florida non è l’unica onorificenza accademica conseguita da Petty nel corso della sua carriera: l’artista, nel 1996, fu insignito dall’Università della California del premio alla carriera intitolato a George e Ira Gershwin. Dieci anni dopo la stessa municipalità di Gainesville consegnò all’artista le chiavi della città.

Tom Petty morì il 2 ottobre del 2017 presso l’UCLA Medical Center di Santa Monica, in California, per le conseguenze di una sovradosaggio accidentale di diversi farmaci che l’artista assumeva per curare condizioni mediche croniche come un enfisema e dolori provocati da una frattura all’anca. Come riferito dalla sua vedova, Dana, il cantante rimandò proprio un intervento all’anca che i medici gli avevano consigliato da tempo per non interrompere l’attività dal vivo: “Credeva che quello fosse il suo ultimo tour, e lo doveva ai suoi storici collaboratori e ai suoi fan”, raccontò Dana York all’edizione americana di Billboard, “Aveva in programma tre concerti, qui a Los Angeles. Non era mai stato così orgoglioso di se stesso, così felice e così ottimista riguardo al futuro. E, all’improvviso, se n’è andato”.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2022 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.