Come Stevie Ray Vaughan cambiò la vita di Mike McCready

Il chitarrista dei Pearl Jam stava per lasciare la musica, poi vide Stevie Ray...
Come Stevie Ray Vaughan cambiò la vita di Mike McCready

La sera del 21 luglio, nella zona di Seattle, per festeggiare la riapertura dei cinema, verrà proiettato 'Enormous: The Gorge Story', un documentario sulla storia della venue sita nell'area della città natale del grunge.

Nel film il chitarrista dei Pearl Jam Mike McCready rivela di avere smesso di suonare la chitarra circa un anno prima di unirsi al gruppo di Eddie Vedder. A quel tempo McCready stava mutando il proprio gusto musicale. Era cresciuto andando ai concerti insieme al suo futuro compagno di band Stone Gossard e, come ha ricordato in un'intervista rilasciata a Guitar World il mese scorso, andarono a vedere i Judas Priest e "impararono come fare headbanging ai concerti degli Iron Maiden". Poi scoprì il rock più classico di band come i Rolling Stones. Ma fu il venire a contatto con B.B. King, Stevie Ray Vaughan e altre leggende del blues che lo portarono a un altro livello nel suo sviluppo musicale.

Stevie Ray Vaughan suonò due volte al Gorge nel tour a supporto del suo quarto album "In Step", nel 1989 e nel 1990. Mike McCready era tra il pubblico in entrambi gli spettacoli. "Mi cambiò la vita. Avevo rinunciato alla musica", dice in una clip di Enormous che potete guardare qui sotto.



McCready dice che è stata "una lunga lotta" dall'età di 11 anni fino ai "circa 22", quando ha iniziato a prendere sul serio la musica. "È stato divertente, ma non succedeva nulla e mi sentivo come, 'Devo capire cosa voglio fare qui'. Ero un po' perso." Poi però, ai concerti di Stevie Ray Vaughan ha visto più chiaramente il suo futuro. "Dopo averlo visto suonare qui, ci fu una sorta di incredibile cambiamento spirituale in me. Il giorno dopo, pensavo, 'devo suonare ancora la chitarra. Devo farlo.' Quel concerto di Stevie Ray Vaughan al Gorge mi ha riportato sulla strada della musica. Lo so per certo".

I Pearl Jam suonarono al Gorge per la prima volta tre anni dopo, condividendo il palco con Neil Young e i Blind Melon, dando qualche anteprima del loro secondo album, "Vs.", pubblicato un mese dopo il concerto del settembre 1993. Da allora la band si è esibita nel locale molte volte, documentando anche le sue esibizioni del 2005 e del 2006 con un cofanetto da sette dischi nel 2008.


Situato a "150 miglia dal nulla" in un'area di terreni agricoli, il Gorge rimane il luogo preferito di McCready. Ricorda il chitarrista dei Pearl Jam: "Dovevi guidare fino a qui e poi guidare per tornare a Seattle, l'ho fatto un sacco di volte. Ma ne è valsa la pena. Valeva il viaggio. Guardavo un intero concerto e tornavo a casa alle cinque del mattino o quello che era, e tornavo al lavoro".
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.