Noel Gallagher rimpiange di non aver fatto l'ultimo concerto degli Oasis

L'ex chitarrista della band inglese è convinto che sarebbe stato indimenticabile.
Noel Gallagher rimpiange di non aver fatto l'ultimo concerto degli Oasis

Noel Gallagher ripensa al tempo passato e rimpiange di non aver suonato l'ultimo concerto degli Oasis a Parigi nel 2009. Il maggiore dei fratelli Gallagher ha espresso questo sentimento parlando con il quotidiano britannico Daily Star.

Il 53enne musicista di Manchester ha dichiarato: "Abbiamo litigato e io ho detto, 'Vaffanculo, me ne vado a casa!' A distanza di tempo, non so se sarebbe stato meglio restare e fare il concerto che sarebbe stato monumentale perché il litigio tra noi sarebbe continuato sul palco, forse non saremmo venuti alle mani ma ci saremmo presi a male parole.

Sarebbe stato un concerto folle. A volte penso, 'Vorrei avere il ricordo di quel concerto.' Quella sarebbe stata la maniera per andarsene. Ma doveva succedere".

Noel Gallagher in precedenza aveva affermato che la tensione tra i due era molto aumentata dopo che Liam aveva preteso che la sua linea di abbigliamento, Pretty Green, fosse pubblicizzata nel programma del tour della band, per quel motivo i due avevano litigato moltissimo. "Io non ne avevo abbastanza degli Oasis, ne avevo davvero abbastanza di lui. Tutto ha iniziato a disfarsi quando creò il suo marchio di abbigliamento e chiese che nel programma del tour degli Oasis gli fosse permesso di fare pubblicità. Io non pensavo fosse giusto che lui imponesse la sua roba ai nostri fan. Ci fu una gran litigata per quello. Dopo di che tutto è andato lentamente a rotoli."

Noel Gallagher abbandonò la band a Parigi il 27 agosto, poche ore prima di esibirsi. Pubblicò poi un messaggio sul sito degli Oasis: "E' con grande dolore che annuncio la mia uscita dal gruppo, mi dispiace per i fan, e per tutte le persone che ci apprezzano e che hanno comprato i biglietti per le date di Parigi, Costanza e Milano, ma non potrei continuare a lavorare con Liam nemmeno per altre 24 ore".

Il giorno seguente il chitarrista spiegò meglio, sempre sulle pagine del sito ufficiale della band britannica, i motivi della sua repentina decisione. "Sono stato costretto a lasciare gli Oasis. I dettagli non sono importanti, e sono troppi da elencare, ma credo che abbiate il diritto di sapere che è diventato intollerabile il livello di intimidazione verbale e di violenza nei confronti miei, della mia famiglia, dei miei amici e compagni. E la mancanza di appoggio e comprensione da parte del mio management e dei miei compagni di band non mi ha lasciato altre opzioni".

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.