Children of Bodom, addio ad Alexi Laiho

Il già leader della metal band finlandese è morto all’età di 41 anni
Children of Bodom, addio ad Alexi Laiho

E’ morto a 41 anni a causa di problemi di salute che l’avevano colpito ormai diversi anni fa Alexi Laiho, chitarrista, cantante, principale compositore e unico elemento stabile dei Children of Bodom, una delle metal band finlandesi più celebri sul panorama mondiale. A darne notizia è stato un comunicato postato sui social dagli altri elementi dei Bodom After Midnight, band formata dall’artista dopo la fine delle attività - avvenuta nel 2019 - della formazione fondata a Espoo nel 1993.

“Con i cuori spezzati e grande tristezza vi annunciamo la scomparsa di Alexi Laiho”, si legge nella nota congiunta: “Siamo distrutti per l’improvvisa perdita del nostro caro amico e compagno di band. Il nostro viaggio insieme come gruppo era appena iniziato, quindi non ci sono parole per descrivere lo shock e il dolore senza fondo che tutti noi proviamo. Possa la tua anima riposare in pace, ci mancherai per sempre: ti vogliamo bene, fratello”.

“Le nostre più sentite condoglianze vanno alla sua famiglia”, conclude l’annuncio: “Al momento non verranno rilasciati ulteriori annunci né interviste. Chiediamo gentilmente di rispettare la nostra esigenza di elaborare e affrontare questa terribile situazione nella riservatezza del caso. Grazie per la comprensione e il sostegno”.

Secondo quanto riferito dalla testata locale Iltalehti, l'artista sarebbe spirato la scorsa settimana nella sua abitazione di Helsinki. L'indiscrezione è stata confermata da un post pubblicato sulla pagina Instagram ufficiale dei Children Of Bodom:

“Uno dei chitarristi più celebrati al mondo, Alexi Laiho, è morto (...) nella sua casa di Helsinki, in Finlandia, la scorsa settimana. Laiho aveva sofferto di problemi di salute a lungo termine durante i suoi ultimi anni”, si legge nella nota: “Più di 25 anni di amicizia. Abbiamo perso un fratello. Il mondo ha perso un compositore fenomenale e uno dei più grandi chitarristi di tutti i tempi. I ricordi e la musica di Alexi vivranno per sempre. I nostri pensieri sono con la famiglia di Alexi durante questo periodo difficile”.

Solo lo scorso 11 dicembre l’artista aveva festeggiato i tre anni di matrimonio con Kelli Wright:

“Ieri sono passati tre anni da nostro matrimonio”, ha scritto la Wright: “Per l’eternità e oltre, mio amato immortale”.

Nato a Espoo, nel sud della Finlandia, nel 1979, Laiho fondò i Children Of Bodom nel 1993 insieme al batterista Jaska Raatikainen. Nel luglio del 2012 l’artista fu portato ricoverato d’urgenza presso l’ospedale di Oslo, in Norvegia, per un problema allo stomaco, che costrinse il gruppo a cancellare una serie di date in Scandinavia. Esami più approfonditi rivelarono come il chitarrista e cantante fosse affetto da “una grave infezione”, che modificarono radicalmente i piani dal vivo dal gruppo per l’anno a venire.

I Children of Bodom si esibirono l’ultima volta il 15 dicembre del 2019 alla Icehall di Helsinki: 

Nel 2020, dopo la fine dei Children Of Bodom - che nel corso della propria carriera riuscirono a vendere in tutto il mondo oltre 250mila copie dei propri album, finendo più di una volta nella Billbord 200, la classifica dei dischi più venduti negli Stati Uniti - Laiho aveva dato vita, insieme al chitarrista già in forze presso gli stessi Children Of Bodom Daniel Freyberg, ai Bodom After Midnight, nome mutuato dal titolo della seconda traccia del terzo album pubblicato con il gruppo precedente, “Follow the Reaper” del 2000, e adottato a causa di controversie legali sullo sfruttamento del marchio intercorse con gli ex compagni di gruppo.

Nel progetto erano stati coinvolti, inizialmente, anche il batterista Waltteri Väyrynen dei Paradise Lost e il bassista Mitja Toivonen, in precedenza nei Santa Cruz. Dopo tre date originariamente previste la scorsa estate e cancellate alla luce delle disposizioni anti-Covid, la formazione riuscì a debuttare lo scorso 23 ottobre a Seinäjoki, sempre in Finlandia.

Accanto ai suoi impegni con i Children of Bodom e con i Bodom After Midnight, Laiho nel corso della sua carriera aveva collaborato con nomi di spicco del panorama metal finlandese come gli Impaled Nazarene (che aveva accompagnato in studio per le session di “Nihil” del 2000) e Warmen (per “Accept the Fact” del 2005, “Japanese Hospitality” del 2009 e “First of the Five Elements” del 2014), oltre ad aver avuto collaborazioni dal vivo e in studio con realtà internazionali come Annihilator e Megadeth.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.