Van Halen: al loro produttore non piaceva per nulla "Jump"

Ha detto Ted Templeman: "L'unico litigio che abbiamo mai avuto è stato per "Jump".
Van Halen: al loro produttore non piaceva per nulla "Jump"

Lo storico produttore dei Van Halen Ted Templeman continua a non essere un fan del superclassico della band statunitense "Jump", anche se ha ammesso che la sua valutazione della canzone era totalmente sbagliata. Templeman ha lavorato ai primi sei album dei Van Halen – da "Van Halen" del 1978 fino a "1984" del 1984 – ma, anche una volta conclusa la sua relazione professionale con la band è rimasto amico del chitarrista Eddie Van Halen, morto di cancro lo scorso 6 ottobre all'età di 65 anni.

Caricamento video in corso Link

"Jump" venne pubblicata alla fine del 1983, presentava in primo piano il suono di un sintetizzatore, innovazione alquanto controversa tra le fila dei fan della band legati alla ruggente chitarra di Eddie Van Halen. Nonostante quasta 'anomalia' il brano raggiunse la prima posizione della classifica di vendita ottenendo una nomination ai Grammy ed è considerata una delle migliori canzoni dei Van Halen.

In una intervista rilasciata al magazine Rolling Stone Templeman ha detto: "L'unico litigio che abbiamo mai avuto è stato per "Jump", perché non mi piaceva e non mi piace. È una cosa stupida perché l'ho prodotta io, ma le tastiere mi sembravano sbagliate. Mi chiamava nel cuore della notte e diceva, 'Ted, devi sentire questo. Vengo a prenderti'. Ed è venuto a prendermi con la sua Porsche a Century City alle tre del mattino e mi ha portato lassù. 'Ascolta questo'. E loro avevano fatto "Jump"".

Il produttore ha ricordato che la canzone "funzionava" e "suonava alla grande"; la mattina seguente, ha chiesto al cantante David Lee Roth di scrivere i testi. "Eravamo seduti nella parte posteriore della sua Mercury", ha ricordato Templeman. "Stava scrivendo questa canzone, e io dissi, 'È terribile'. Dissi, 'Questo mi disturba. Non dire "jump". Sembra che tu stia incoraggiando qualcuno a suicidarsi'. Lui rispose, 'Nah, nah. Ho questa cosa inchiodata. Ha un doppio senso'. E lo fece. Significava 'prenditi una possibilità', ma significava anche che avrebbe preso quella ragazza."

Tuttavia, Templeman "non andava pazzo" per le tastiere. "Mi sbagliavo perché era una numero uno, ma non l'ho nemmeno ascoltata. Per me erano una fottuta band heavy metal che poteva fare melodie pop, questo era quello che mi piaceva di loro. Ma quella li portò in un'altra arena. Mi ha ricordato quelle band che suonano nelle arene e poi la cosa del cazzo finì per essere suonata in ogni arena prima delle partite. Ma, mi sbagliavo."

Riflettendo sul talento di Eddie, il produttore ha detto: "Conosceva la musica. Ecco perché i suoi assoli e le canzoni che lui e Dave hanno scritto reggono. Ha scritto cambi di accordo come un cantautore. Penso che abbia avuto impatto perché le persone inconsciamente ascoltano gli assoli melodici e le persone ne sono attratte. (...) Penso che abbia avuto un impatto perché ha inserito degli elementi pop nella sua musica. Piacciono a tutti. Non importa quanto ti piacciano altri generi di musica, se ascolti una buona melodia pop, quella ti colpisce."

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.