Sergio Caputo: "Io dal vivo, quella volta che..." 

In attesa dell'esibizione milanese, il cantautore romano rievoca alcuni episodi della sua attività dal vivo
Sergio Caputo: "Io dal vivo, quella volta che..." 

Per il quarto anno consecutivo si rinnova il sodalizio artistico fra Sergio Caputo e il Blue Note Milano. L'11 ottobre il cantautore romano tornerà ad esibirsi nel locale milanese in formazione a trio (qui il video di invito).  Il concerto di quest'anno sarà arricchito da nuovi arrangiamenti vocali, con Fabiola Torresi al basso e Alessandro Marzi alla batteria ma occasionalmente anche al piano, e condito con chicche per intenditori e qualche incursione a sorpresa.  

Abbiamo chiesto a Sergio Caputo di raccontarci alcuni aneddoti dei molti che hanno punteggiato la sua carriera.

Io e il Blue Note

"Col Blue Note ho un rapporto speciale. In quello di New York ci sono andato parecchie volte, e lì ho scoperto che in un club di medie dimensioni possono esibirsi anche artisti di grande nome - trend del quale sono orgogliosamente stato importatore e pioniere in Italia. E' al Blue Note di NY che ho suggellato la mia collaborazione con Dizzy Gillespie, mentre mangiava una pizza in camerino durante la pausa fra un set e l'altro. Ora che sono di casa al Blue Note Milano, mi manca quello di Tokio e sono a posto."

Io e il mio primo tour

"Nel mio primo tour, 1985, mi ritrovai a dovermi esibire al Teatro Olimpico di Roma - completamente esaurito - teatro che era proprio di fronte a casa mia di quando ero bambino, e dove mio nonno mi portava a vedere film di avventura. E quella sera dell'85 dovevo suonarci io! Spiai da dietro il sipario, vidi il pubblico stipato che mi chiamava e scandiva il mio nome, e andai totalmente in panico;  dovettero letteralmente spingermi sul palco... di quel concerto non ricordo praticamente nulla, andai in trance, ma mi dissero che fu stupendo. "

Io e il batterista sparito

"Una volta, durante un concerto a Palermo, nel bel mezzo di una canzone mi accorsi che mancava qualcosa - mi girai e vidi che era sparito il batterista;  infatti era sdraiato per terra,  dietro la batteria, svenuto.  Allora mi fermai, e chiesi se c'era un dottore in sala: c'era, venne su, e si occupò del mio musicista dietro le quinte. Poi, per sdrammatizzare, chiesi al microfono se c'era anche un batterista;  c'era pure quello, fresco fresco dalla scuola di musica di Berklee, Boston, e fece tutto il concerto con noi.  Finimmo sui giornali."

Io e Parigi

"Sere fa mi sono esibito al Sunset-Sunside Jazz Club di Parigi, uno dei club più prestigiosi della città  - della band che mi ha accompagnato conoscevo solo il batterista, con cui avevo suonato una volta, mentre il bassista e il sassofonista non li avevo mai visti prima.

Abbiamo suonato seguendo le partiture, ma anche con molta improvvisazione, e sembrava avessimo suonato sempre insieme. Fra il pubblico c'erano naturalmente parecchi italiani, e nonostante avessi sudato sette camicie per imparare i miei testi in francese, alla fine ho dovuto mischiare le due lingue, cantando una strofa in italiano e una in francese. Il tutto inframmezzato dai miei interventi parlati in. inglese - la lingua che mi viene più spontaneo parlare quando sono fuori Italia. Un concerto trilingue - una formula talmente piaciuta al pubblico che probabilmente la ripeterò".

Io e la musica

"Ho iniziato a scrivere canzoni mie perché non riuscivo ad imparare quelle degli altri, ma amavo suonare la chitarra e così ho pensato che scrivendo le mie avrei potuto cantare per pochi amici intorno a un falò sulla spiaggia e magari attrarre l'attenzione di ragazze che altrimenti non mi avrebbero filato... diciamo che poi la situazione mi è scappata di mano, ma anche quando la musica è diventata per me un lavoro, è stata la mia passione principale, e questo amore dura ancora oggi dopo quasi quarant'anni di carriera".
 

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.