Jam Master Jay, la svolta diciott'anni dopo la morte: arrestati due uomini

Il deejay dei Run DMC morì per un colpo di pistola alla testa nel 2002. L'ex compagno di band: "Che possa ora riposare in pace".
Jam Master Jay, la svolta diciott'anni dopo la morte: arrestati due uomini

Ci sono voluti quasi vent'anni, diciotto per l'esattezza, per individuare e arrestare due uomini ritenuti responsabili dell'omicidio - a lungo irrisolto - di Jam Master Jay, dj e produttore discografico noto ai più per essere stato uno dei membri della band culto dell'hip hop Run DMC.

Il 30 ottobre del 2002 Jason Mizell - questo il suo vero nome - rimase ucciso da un colpo di pistola alla testa in uno studio di registrazione nel quartiere di Queens, a New York: aveva 37 anni. A distanza di diciott'anni, la svolta: il procuratore capo del distretto orientale di New York ha formalmente accusato due uomini, Karl Jordan Jr. e Ronald Washington, per l'omicidio del musicista. Sono stati entrambi arrestati. Alla base del crimine, una disputa legata al traffico di stupefacenti. "È fondamentale per noi rendere giustizia alla vittima, alla sua famiglia e agli amici", ha detto il procuratore, intenzionato a risolvere finalmente il caso.

Tra i primi a commentare la notizia dell'arresto c'è Darryl McDaniels, che con Jam Master Jay e Joseph "Rev Run" Simmons componeva i Run DMC (McDaniels e Simmons sciolsero il gruppo nel 2002, subito dopo la morte di Jam Master Jay).

"Anche se queste ultime notizie aprono molti ricordi dolorosi per tutti noi che conoscevamo e amavamo Jam Master Jay, sono sollevato nell'apprendere che due sospetti sono stati arrestati e accusati del suo omicidio", ha fatto sapere sui social il rapper, "sono stati 18 anni difficili non averlo intorno pur sapendo che i suoi assassini non erano ancora incriminati per questo crimine efferato. Mi congratulo con il dipartimento di New York, i detective di New York, gli agenti federali e tutte le forze dell'ordine coinvolte in questo caso, per non essersi arresi e per aver lavorato per portare giustizia per Jay. Mi rendo conto che questo è un primo passo nel processo giudiziario, ma spero che Jay possa finalmente riposare in pace. Il mio amore per la moglie di Jay, Terri, i suoi figli, la sua famiglia, i suoi amici e tutti i suoi fan".

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.