È morto il rapper di Atlanta Lil Marlo, ucciso in una sparatoria

Secondo quanto riferito il rapper è stato ucciso in una sparatoria

Secondo i rapporti locali, il rapper di Atlanta Lil Marlo è stato trovato morto presso la sua città natale. L’ufficio del medico legale della contea di Fulton lo ha riferito alla NBC News, anche se la causa della scomparsa di Rudolph Johnson - questo il nome del rapper di 27 anni, anche se il coroner ha riferito che aveva 30 anni - non è ancora stata determinata. Il dipartimento di polizia di Atlanta ha, però, riferito alla NBC News che in un veicolo sulla Interstatale 285 è stato trovato il corpo di un uomo di circa 30 anni, deceduto per ferite di arma da fuoco. La vittima, però, non è ancora stata identificata.

“Gli investigatori della squadra omicidi di Atlanta sono accorsi sulla scena e hanno immediatamente avviato le indagini”, si legge in una dichiarazione della polizia, ripresa dal New Musical Express. “In questo momento, gli investigatori ritengono che la vittima fosse l’obiettivo dei colpi di arma da fuoco, e stanno lavorando per determinare le circostanze che hanno determinato la sparatoria”.

Oggi l’amico e collega di Lil Marlo, Lil Yachty, ha pubblicato su Instagram una foto del rapper di Atlanta - confermando la sua scomparsa.

Nel 2017 Lil Marlo aveva firmato con la Quality Control di Atlanta - etichetta di rapper come Yachty, Migos, Lil Yachty -  e nello stesso anno aveva pubblicato l’album “2 The Hard Way”, realizzato in collaborazione con Lil Baby. Lo scorso febbraio è uscito l’ultimo disco del rapper, “1st & 3rd”, la cui title track conta della partecipazione di Future e Lil Baby.

Caricamento video in corso Link
Dall'archivio di Rockol - Album italiani: le copertine più belle di sempre
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.