Razzismo: i Lady Antebellum cambiano il nome della band

La band ha spiegato il significato del nome e i motivi della decisione con un lungo post su Instagram.
Razzismo: i Lady Antebellum cambiano il nome della band

Guai a chiamarli ancora Lady Antebellum. Da oggi Charles Kelley e soci si faranno chiamare semplicemente Lady A.

Il motivo? La parola "Antebellum" era stata ispirata alla band di Nashville dallo stile architettonico tipico del diciannovesimo secolo in certi stati del sud degli Stati Uniti, uno stile che ora - a detta del gruppo - sulla scia delle proteste negli Stati Uniti per chiedere giustizia per George Floyd e contro il razzismo rimanda a un periodo buio della storia del loro paese, quando la schiavitù era ancora legale (per simili motivi, come noto, la HBO ha tolto dalla sua offerta in streaming "Via col vento", il classico del cinema diretto da Victor Fleming e ambientato negli Stati Uniti meridionali durante la guerra di secessione - stando al Washington Post, il film potrebbe tornare sulla piattaforma con un'introduzione a cura di uno storico esperto di studi afroamericani). L'annuncio è arrivato attraverso un lungo post condiviso dai Lady Antebellum - anzi: Lady A - su Instagram in cui tra le altre cose hanno scritto:.

"Siamo dispiaciuti e imbarazzati nel dire che non abbiamo mai preso in considerazioni le associazioni che appesantiscono questa parola e che fanno riferimento al periodo della storia prima della Guerra civile. Siamo profondamente dispiaciuti per i dolori che ciò ha causato e per chiunque si sia sentito invisibile o non considerato. Provocare dolore non è mai stata la nostra intenzione".

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.