Anggun: 'Non mi vergogno di essere felice'

Solare.

Proprio come il suo nuovo album, intitolato "Luminescence". Anggun, l'enfant prodige del pop che nel '97 stregò il pubblico internazionale con il singolo "Snow on the Sahara", ha presentato a Rockol la sua nuova fatica in studio, disponibile nei negozi a partire dal prossimo 20 maggio. "Ho cercato di sintetizzare nel titolo l'essenza di questo nuovo disco", ci racconta l'affascinante cantante indonesiana: "La parola 'luminescente' indica qualcosa che non solo emette luce, ma anche calore. Ed è proprio questo che spero comunichi il mio disco: la fierezza e la gioia di stare bene, il non vergognarsi di essere felici". Non a caso, il percorso artistico di Anggun sembrava doversi compiere, almeno per ora, con un disco di questo genere: "Sin dal mio esordio, mi sono progressivamente allontanata da toni malinconici in favore di atmosfere più solari", prosegue la cantante, "Con 'Crysalis' (pubblicato nel 2000) penso di essere riuscita a realizzare il mio primo album 'non triste', ma ora - con 'Luminescence' - mi sono spinta avanti: del resto non potevo ignorare, come artista, ciò che mi dettavano il mio cuore e la mia ispirazione". Anche se, in mezzo a tanta gioia per la folgorante carriera ed i successi ottenuti presso il pubblico e presso i colleghi (la cantante non manca di citare la collaborazione, avuta nel 2002, con Piero Pelù per il brano "L'amore immaginato", del quale ricorda: "Un artista di grandissimo carisma ma anche una persona deliziosa: ho amato quella canzone e conserverò sempre un ottimo ricordo dell'esperienza"), inevitabile che il discorso cada sulle condizioni drammatiche nelle quali versa il suo paese natale, l'Indonesia, colpito alla fine dello scorso anno da un disastroso maremoto ormai consegnato agli annali come una delle più gravi catastrofi nella storia dell'umanità. Come vede Anggun, da diretta interessata, l'impegno degli artisti occidentali per risollevare le sorti dei paesi colpiti dallo tsumani? "Sono sincera, è una cosa bellissima. Non ho mai creduto che una canzone possa cambiare il mondo, per carità, per cui non penso che un concerto o un disco possano cancellare dalla storia del mio paese questa immane tragedia, ma in certe situazioni anche un piccolo aiuto può voler dire molto. Per cui, anche a titolo dei miei connazionali, ringrazio di cuore tutti quanti si siano prodigati per aiutare l'Indonesia e i paesi colpiti dalla tsunami". "Del resto io stessa mi sono subito attivata, subito dopo la catastrofe", continua appassionata la cantante: "Più che come artista, mi sono impegnata concretamente ad incontrare la gente, a parlare coi sopravvissuti e a supportare in qualsiasi modo chiunque fosse rimasto coinvolto in quanto accaduto". Tornando a discorsi più leggeri, il pubblico italiano avrà la possibilità di vedere Anggun dal vivo? "Mi piacerebbe moltissimo esibirmi in Italia: ora è presto per parlarne, ma - salvo problemi - potrei tornare per delle date la prossima estate.".

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.