Motörhead archives: tutto è iniziato così…

La nascita di una band rivoluzionaria, capace di unire metallari, punk e rocker sotto un’unica bandiera. La storia del primo vinile che faticò a essere capito...

Motörhead archives: tutto è iniziato così…

Lemmy sta per mollare gli Hawkwind: o meglio, sta per essere cacciato (reo colpevole di preferire droghe “fast” e non psichedeliche). È il 1974 e la band si trova in tour. Durante una notte alla famigerata Riot House (ossia lo Hyatt Hotel al numero 8401 di Sunset Boulevard, a Hollywood) il bassista ha un improvviso attacco di creatività. «Quella notte lì c’erano anche Roy Wood e i suoi Wizzard. Sentivo che dovevo scrivere una canzone immediatamente, così corsi giù nella camera di Roy, presi la sua Ovation acustica e me ne tornai nella mia stanza. Mi piazzai sul terrazzo e ci rimasi per quattro ore a ululare. Le auto si fermavano, la gente ascoltava, poi ripartiva… e io ero lì che urlavo con tutto il fiato che avevo nei polmoni». Così nasce la canzone Motörhead, che chiude l’esperienza di Lemmy negli Hawkwind e dà il nome alla band che sta per fondare (oltre a diventare un pezzo-manifesto del gruppo).

Da quella notte del ’74 all’esordio su 33 giri dei Motörhead passa quella che oggigiorno pare un’eternità – ma allora le cose andavano molto diversamente. È il 1977, infatti, quando la nuova formazione arriva sul mercato con il long playing omonimo, su label Chiswick. In realtà Lemmy e i suoi avevano già registrato un intero LP nel 1976, ma l’etichetta che avrebbe dovuto pubblicarlo – la United Artists – si era messa di traverso, cancellando la release reputando il materiale proposto inaccettabile per i propri standard qualitativi: il tutto uscirà, quindi, solo nel 1979 (col titolo On Parole), dopo Bomber e Overkill per intenderci.

CONTINUA A LEGGERE SU DEAGOSTINIVINYL.COM

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.