Sanremo 2018, la formula di Baglioni funziona, equilibrio tra musica e spettacolo - il commento

Sanremo 2018, la formula di Baglioni funziona, equilibrio tra musica e spettacolo - il commento

Una bella prima serata di Sanremo: la formula Baglioni ha funzionato. Equilibrio tra spettacolo e musica, che non è al centro come si dice, ma neanche sullo sfondo come altre volte in passato. Nell'insieme le canzoni richiedono almeno un altro passaggio perché si facciano apprezzare e si capisca il loro valore sulla media e lunga distanza. Ma il "dittatore artistico" ha mantenuto la promessa di un Sanremo diverso e a sua immagine e somiglianza.

Lo spettacolo
Sanremo è TV fatta con il varietà e con le canzoni : quest'anno sono passati 34 minuti dall'inizio (alle 20.44) al primo cantante in gara, Annalisa (alle 21.18): siamo nella media.  Baglioni aveva detto: via i siparietti troppo televisivi (le cose tipo "la famiglia più numerosa", "il nano più alto del mondo", etc), dentro molto varietà classico: avere fuoriclasse come Fiorello e Morandi è stato un bel colpo. 
Bravo ed emozionante Gianni che omaggia Endrigo e Bacalov.  Fiorello è stato praticamente conduttore aggiunto per metà sera: domani, alla seconda serata, sarà un trauma non averlo più. Visibilmente emozionato all'inizio, poi ha preso il ritmo, e ha preso per mano la prima parte dello spettacolo. Hunziker e Favino ottime spalle di Baglioni, soprattutto lei che dà ritmo alla serata.

Baglioni
Durante le prove lo abbiamo visto accudire gli artisti con pazienza. Stasera è stato molto presente, senza fare il conduttore unico: praticamente una sorta di allenatore in campo, con ironia, e senza soverchiare gli altri. Poi canta, e rimette tutti a posto.... 

Le canzoni
Non smettiamo mai di ripeterlo: in TV le canzoni sono un'altra cosa - diverse da quelle ascoltate nella versione di studio (che avevamo ascoltato qualche settimana fa). In generale: brani che cercano di essere raffinati e popolari contemporaneamente, con qualche botta di vita.
Bellissimi passaggi di Max Gazzè, valorizzato dall'orchestra; Ron toccante e delicato a cantare Lucio Dalla. Emozionante la Vanoni (con Bungaro e Pacifico veri cavalieri). Bella scenetta de Lo Stato Sociale (con "citazione" da un video dei Coldplay: Paddy Jones, 83 anni che balla). Bravo Barbarossa, che che canta in dialetto, con un bell'arrangiamento: romanesco senza essere romanaccio. Applauso in sala stampa a Diodato e Roy Paci: meritato, bella canzone in crescendo, che rende bene in TV (e valorizza la tromba di Paci, che nella versione di studio quasi non si sente). Le Vibrazioni ci credono, e si sente.

Tra le delusioni: canzone scarica quella degli Elii, qualche trovata nel testo e bel coro finale, ma ci mette un sacco a decollare. Rivedibile Caccamo (che molti colleghi danno ben messo): il pezzo sembra un po' Tiziano Ferro, un po' Massimo Ranieri, ma senza arrivare a quei livelli. Proabilmente decollerà nella serata di venerdì con la presenza di Arisa. Nina Zilli incolore. Un po' scarichi Facchinetti e Fogli, che  perdono decisamente sfida tra gli ex-Pooh, vinta a mani basse da Red Canzian, che con "Ognuno ha il suo racconto" si presenta con tiro e passione.

Note tecniche: regia e palco
Gran lavoro della regia sul passaggio dei Kolors, molto scenografica (pur essendo poco da RaiUno). Palco e regia sono una delle cose più belle di questo Festival. Regia precisissima, stacchi perfetti che vanno a cercare strumenti e cantanti: Duccio Forzano, il regista, usa il "cue pilot", un sistema digitale di controllo delle telecamere tipico dell'Eurovision. Può sembrare un dettaglio, ma rende il racconto delle canzoni molto più efficace, assieme alle luci e agli schermi.

(Gianni Sibilla)

Dichiarazione di voto
Ogni testata presente in sala stampa all'Ariston ha a disposizione due giornalisti votanti, che possono esprimere tre preferenze ciascuno (non in ordine). Per Rockol sono presenti Gianni Sibilla e Mattia Marzi. Gianni Sibilla ha votato Ron, Max Gazzé e Diodato e Roy Paci. Mattia Marzi ha votato Stato Sociale, Ermal Meta/Fabrizio Moro e i Kolors.

Tutti i vincitori del Festival di Sanremo dal 1981 al 1990
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.