Royal Blood - la recensione di "How Did We Get So Dark?"

Royal Blood - la recensione di "How Did We Get So Dark?"

Sessantaseimila copie vendute in una sola settimana e un futuro da nuovi salvatori del rock, eppure i Royal Blood preferiscono sentirsi liberi di spaziare e sperimentare con la loro strumentazione ridotta all'osso con basso e batteria. Per il nuovo album "How did we get so dark?" hanno preferito guardare al mondo hip hop per trovare la giusta quadratura del proprio sound, con un risultato che non rinnega il passato ma che guarda ben oltre la formula del casino a tutti i costi.

L'ispirazione principale è infatti arrivata da lontano, attingendo al bacino R&B e hip hop e cercandone di catturare l'essenza di quei groove così intriganti che, a detta del gruppo stesso, al giorno d'oggi solo questo genere di produzioni riesce a permettersi perché più innovative e sicuramente più coraggiose di tanto rock che gira intorno.

Leggi la recensione completa di "HOW DID WE GET SO DARK?" cliccando qui

Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.