Classifiche UK: esplodono gli U2. Singoli, Geri quarta aspettando il botto

Classifiche UK: esplodono gli U2. Singoli, Geri quarta aspettando il botto

E' iniziato il conto alla rovescia che condurrà sicuramente al primo posto la cover di "Do they know it's Christmas?".

La classifica britannica dei singoli trattiene il respiro attendendo il botto del Band Aid 20, la supersquadra di artisti che lo scorso 14 novembre agli Air Studios di Londra ha interpretato per la terza volta (dopo quella fiacca del 1989) il celebre pezzo benefico del 1984. Quanto venderà "Do the know…"? Quattrocentomila copie, settecentomila? C'è chi dice che arriverà senza troppi problemi a quota 1 milione in una settimana. E c'è chi afferma che sarà ancora sul trono nel corso della settimana di Natale. Comunque andranno le cose, tra pochi giorni la canzone voluta da Sir Bob Geldof sarà assisa al numero uno e, curiosamente, scalzerà una canzone, "I'll stand by you" delle Girls Aloud, che è anch'essa benefica. Dietro il singolo del gruppo femminile vi sono due posizioni immutate: la seconda, da dove non si muove "Lose my breath" delle Destiny's Child, e la terza, in cui rimane inchiodata "If there's any justice" del promettente Lemar. Sulla quarta tacca debutta "Ride it", il singolo che segna il ritorno sulle scene di Geri Halliwell dopo "Calling" del dicembre 2001. Per "Ride it" la ex Ginger Spice si è impegnata: ha sventolato una banana gonfiabile alla one-night "G.A.Y." ed è pure andata in giro per il centro di Londra su un cavallo. C'è da ricordare che il primo album solista di Geri in UK generò ben tre numero uno, è il caso di dirlo, a cavallo tra 1999 e 2000: "Mi chico latino", "Lift me up" e "Bag it up". Entra al numero 5 "Tilt ya head back" di Nelly con Christina Aguilera, ed anche il sesto gradino vede una novità: è "Irish son" di Brian McFadden, ex Westlife, il cui primo singolo "Real to me" nello scorso settembre era riuscito ad agguantare il primo posto. Proprio nei giorni scorsi McFadden si è diviso dalla moglie Kerry. "Just lose it" di Eminem scende dal 6 al 7, "What you waiting for" di Gwen Stefani dal 4 all'8, "Baby it's you" di JoJo con Bow Wow dall'8 al 9. In coda l'ultima new entry in Top 10: è "Party for two" di Shania Twain, in quest'occasione coadiuvata da Mark McGrath dei Sugar Ray. "Vertigo" degli U2 scivola dal 7 al 13, mentre per ora non decolla quella che sembrava un'alleanza quasi epocale, quella tra Jay-Z ed i Linkin Park: il loro sforzo congiunto, "Numb/Encore", si arena al numero 14. Dal passato remoto del rock'n'roll britannico gli Status Quo si prendono il numero 21 con "Thinking of you"; nello scorso settembre i rockosauri si erano beccati un non disprezzabile numero 14 con "You'll come 'round", il loro maggiore successo degli ultimi 14 anni. Non male per un gruppo che debuttò nel 1967.


Per quanto riguarda gli album, deflagra al numero uno, come del resto già riportato da Rockol, "How to dismantle an atomic bomb" degli U2. Il nuovo disco di studio di Bono e soci fa arretrare sulla piazza d'onore "Encore" di Eminem, il quale in una reazione a catena fa scendere il "Greatest hits" di Robbie Williams dal 2 al 3. La raccolta "Ultimate Kylie" della Minogue entra sulla quarta tacca, mentre il fenomeno pop-opera Il Divo cala dal 4 al 5. Spostamenti di numeri e basta dalla posizione 6 alla 10. "Greatest hits" di Shania Twain passa dal numero 7 al 6, "Greatest hits-My prerogative" di Britney Spears va giù dal 3 al 7, "10 years of hits" di Ronan Keating rimane all'8, perde punti dal 5 al 9 "Destiny fulfilled" delle Destiny's Child, chiude "Hopes and fears" dei Keane. Non è esattamente un successone il debutto del primo album solista di Gwen Stefani dei No Doubt: per ora il suo "Love angel music baby" non va oltre il numero 14.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.