Katy Perry in un luna park inquietante per il video di 'Chained to the rhtyhm' (insieme al nipote di Bob Marley) - GUARDA

Katy Perry in un luna park inquietante per il video di 'Chained to the rhtyhm' (insieme al nipote di Bob Marley) - GUARDA

Montagne russe con carrelli che si sganciano e fanno un salto nel vuoto, giostre che lanciano in aria le persone e case che precipitano a terra: il video di "Chained to the rhythm", il nuovo singolo della popstar californiana, è ambientato in un inquietante luna park del futuro.

La clip, con regia di Mathew Cullen, ha fatto il suo debutto in rete e anche se il parco giochi sembra quasi una ricostruzione al pc, in realtà si tratta di un vero luna park (certo, alcune giostre sono state fatte al pc): il video del singolo apripista del nuovo album di Katy Perry è stato infatti girato dentro il Six Flags Magic Mountain, grandissimo parco divertimenti di Los Angeles.

Aperto nel 1971, nel corso degli anni il parco divertimenti losangelino è stato più volte scelto come set di film: nel 1977 James Goldstone ci ha girato una scena di "Rollercoaster - Il grande brivido", nel 1983 ha ospitato alcune scene del film "National lampoon's vacation" di Harold Ramis (primo capitolo di una saga cinematografica con protagonista la famiglia Griswold). Nel 1990, in un episodio di "Beverly Hills 90210", alcuni protagonisti del telefilm vennero ripresi a bordo di una montagna russa del parco (il "Viper"), mentre nel 2000 Clint Eastwood ci ha girato una scena del film "Space cowboys".

Alla fine del video di "Chained to the rhythm" compare anche Skip Marley, nipote di Bob, che ha registrato una parte della canzone di Katy Perry.

Caricamento video in corso Link
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.