Il leggendario Caffè Lena di New York (che ospitò Bob Dylan negli anni sessanta) riapre i battenti

Il leggendario Caffè Lena di New York (che ospitò Bob Dylan negli anni sessanta) riapre i battenti

Il Caffè Lena di New York, dove anche Bob Dylan si esibì oltre 50 anni fa, nel 1961 e nel 1962, è stato ristrutturato e, dopo sei mesi, ha riaperto i battenti. Come riportato da Billboard la ristrutturazione – che è costata un paio di milioni di dollari – ha portato da 85 a 105 i posti a sedere e per la prima volta ora verrano serviti anche vino e birra. Ma il luogo ha mantenuto intatta la sua inimitabile atmosfera.

 

Dice Jeff Place, archivista della Smithsonian Folkways, l’etichetta senza scopo di lucro della Smithsonian Institution: "E’ un luogo leggendario. Per i cantautori suonare lì è come suonare alla Carnegie Hall per i musicisti classici."

 

Tra i musicisti folk che hanno contribuito a raccogliere i fondi per ristrutturare il locale oltre ad Arlo Guthrie, ci sono musicisti di fama locale e altri, tra cui Peter Yarrow e Noel Paul Stookey di Peter, Paul and Mary. Sarah Craig, direttore del locale, ha detto che anche Bob Dylan è stato contattato per un contributo, ma "non ha ancora dato un supporto."

 

Il Caffè Lena venne aperto nel maggio 1960 da Lena Spencer e da suo marito Bill, artisti bohemien originari del Massachusetts. Lui se ne andò non molto tempo dopo le performance di Dylan, invece Lena rimase, riuscendo ad attirare a poco a poco un elenco sempre crescente di artisti, tra cui Dave Van Ronk, Joan Baez, Don McLean e Guthrie.

 

Lena è morta nel 1989 all’età di 66 anni. Un gruppo di volontari appassionati di musica folk ha proseguito la sua opera e ha contribuito a tenere aperto il locale. I lavori di ristrutturazione sono stati resi necessari perché l’edificio, che ha 120 anni, ormai non era più a norma. Dice la Craig: "Ora abbiamo un posto all’altezza con la nostra reputazione e per il genere di musica che ospitiamo". Per il 78enne George Ward, musicista folk da tempo performer e fan del Caffe Lena, il lifting non ha cancellato l’atmosfera che si respira nel locale: "Ha dovuto cambiare per essere più sicuro e confortevole. E ci si sente veramente bene."

La storia di “The freewheelin’ Bob Dylan” di Bob Dylan
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.