David Bowie e la morte immaginaria di Bob Dylan: storia di un musical bizzarro

David Bowie e la morte immaginaria di Bob Dylan: storia di un musical bizzarro

Prima di cominciare a lavorare a "Lazarus", il musical che ha rappresentato uno degli ultimi progetti portati a termine da Bowie nei suoi ultimi mesi di vita, l'iconico artista britannico aveva provato a lavorare ad un altro progetto teatrale con una trama molto particolare, incentrata su alcune (finte) canzoni inedite di Bob Dylan ritrovate in seguito alla morte immaginaria del Bardo di Duluth. A raccontarlo, in un articolo pubblicato sulle pagine della rivista statunitense GQ, è lo scrittore statunitense Michael Cunningham, vincitore del premio Pulitzer per la narrativa con il romanzo "Le ore" (1998), che Bowie aveva contattato per scrivere la sceneggiatura del musical.

"Più o meno dieci anni fa, ero sul treno e stavo lasciando New York: ricevetti una chiamata sul mio cellulare. 'Pronto', disse qualcuno dall'altra parte, 'parlo con Michael Cunningham? Sono David Bowie, spero di non disturbarti", scrive il romanziere nelle prime righe dell'articolo. Il fu Duca Bianco aveva pubblicato nel 2003 l'album "Reality" e dopo l'infarto del 2004 aveva ridotto di moltissimo le sue apparizioni pubbliche: avrebbe approfittato del silenzio discografico e delle poche apparizioni per lavorare al nuovo progetto teatrale. Bowie, a detta di Cunningham sarebbe stato
 

"attratto dall'idea di un alieno abbandonato sulla Terra. Lui non è mai stato del tutto soddisfatto dell'alieno che ha rappresentato nel film 'L'uomo che cadde sulla terra' del 1976. E voleva che almeno uno dei personaggi principali fosse un alieno".


Lo spettacolo, secondo quanto immaginato da Bowie, avrebbe dovuto essere ambientato nel futuro e la trama avrebbe ruotato intorno ad alcune (finte) canzoni inedite di Bob Dylan, un tesoro che sarebbe stato scoperto dopo la morte immaginaria del cantautore di "Blowing in the wind".
 

"David stesso avrebbe scritto quelle finte canzoni non edite" - prosegue Cunningham - "inoltre, aveva stabilito che gli sarebbe piaciuto inserire musica mariachi ed era eccitato di iniziare un nuovo progetto".


Il progetto, però, non vide mai la luce e venne messo da parte, lasciando il posto a "Lazarus", frutto della collaborazione con l'irlandese Enda Walsh. Il musical è stato portato in scena in anteprima a New York nel novembre del 2015, mentre la prima si è tenuta il 7 dicembre del 2015 sempre a New York - che ha ospitato lo spettacolo fino al gennaio del 2016. Lo scorso ottobre, invece, "Lazarus" ha debuttato a Londra, dove andrà in scena fino al prossimo 22 gennaio. Il musical è ispirato proprio al film "L'uomo che cadde sulla terra" di Nicolas Roeg del 1976, in cui Bowie interpretò il ruolo del protagonista, a sua volta ispirato al romanzo omonimo pubblicato da Walter Tevis nel 1963. Nei panni del protagonista c'è l'attore Michael C Hall, noto ai più per aver recitato in "Dexter".

Dall'archivio di Rockol - La storia di "The rise and fall of Ziggy Stardust and the Spiders from Mars" di David Bowie
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.