Da riscoprire: la storia di “Le onde" di Ludovico Einaudi

Da riscoprire: la storia di “Le onde" di Ludovico Einaudi

Il compositore e pianista che si esibisce alla Scala di Milano, che entra in classifica nel Regno Unito, che in Francia è Commandeur de l’Ordre des Art set des Lettres, che sale sul palco con i Mumford & Sons acclamato dal pubblico è stato per quarant’anni un perfetto sconosciuto, un musicista su cui nessuno puntava. E del resto, chi poteva prevedere il successo di Ludovico Einaudi in un periodo in cui la musica contemporanea era un piacere per pochi e gli album di solo pianoforte erano considerati lontani dal gusto degli acquirenti di dischi? “Le onde” del 1996 è il lavoro grazie al quale il compositore si fa conoscere al pubblico, un ciclo di ballate per pianoforte ispirato all’omonimo romanzo Virginia Woolf del 1931, tredici composizioni dal fascino sottile e dal tono meditativo.

GUARDA LA PAGINA DEDICATA A LUDOVICO EINAUDI E PRE-ASCOLTA GLI ALBUM CHE PREFERISCI

Figlio dell’editore Giulio e nipote del Presidente della Repubblica Luigi, nato a Torino ma trasferitosi a Milano, Ludovico Einaudi si diploma in composizione al Conservatorio Giuseppe Verdi e si perfeziona sotto la guida di Luciano Berio cui dedicherà “The elements”. Il suo linguaggio sonoro è radicalmente diverso da quello del maestro, specie quando decide di proporsi come esecutore della propria musica al pianoforte, una scelta che segnerà una svolta decisiva alla sua carriera e che arriva a 41 anni d’età. “Non è stato facile”, confesserà, raccontando il pre “Le onde” a Io Donna, “ho avuto momenti di crisi, di difficoltà, durante i quali sentivo di dover capire quale potesse essere la strada giusta per guadagnarmi da vivere con la musica. Sono stati anni di studio e preparazione professionale, non era affatto scontato che un giorno sarei riuscito ad arrivare dove sono arrivato”.

CONTINUA A LEGGERE LA RECENSIONE DI "LE ONDE" SUL SITO DI LEGACY

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.