Jordan Peele 'resuscita' un James Brown d'annata, esilarante. Guarda.

Correva l'anno 1988 e, dopo un paio di resurrezioni artistiche - prima nel 1980 grazie a "The Blues Brothers" e poi nel 1985 con "Living in America", colonna sonora di "Rocky IV", il grandissimo James Brown stava vivendo un altro anno... pericolosamente.

In particolare, arrestato per avere picchiato la moglie con un tubo di piombo ed avere esploso colpi di arma da fuoco alla sua macchina durante una discussione, si lasciò convincere a rilasciare la sua versione dei fatti nel programma TV della CNN Sonya Live in L.A. , diretto da Sonya Friedman. Reticente a dir poco, James Brown cominciò a gridare i titoli dei suoi maggiori successi anzichè rispondere alle domande della Friedman, in uno stato di evidente alterazione.

In questo sketch retrodatato, Jordan Peele reinterpreta a modo suo il Godfather of Soul durante la fatale intervista  nella quale riesce a non rispondere e dire nulla.

Caricamento video in corso Link
Dall'archivio di Rockol - James Brown: la videobiografia
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.