I R.E.M. compiono 40 anni (1 / 15)

il 5 aprile 1980 la band, allora senza nome, suona per la prima volta in una chiesa sconsacrata di Athens. Si sarebbero sciolti 31 anni e 80 milioni di copie dopo, nel 2011. Ecco come è cominciato tutto.

I R.E.M. compiono 40 anni

il 5 aprile 1980 una band, allora senza nome, suonò ad un party in una chiesa sconsacrata di Oconee Street, nella città universitaria di Athens, Georgia. Due settimane dopo avrebbero scelto il nome R.E.M., pubblicando poi una cassetta, un singolo ed un EP, fino ad arrivare all'uscita del primo album "Murmur" Il 12 aprile 1983, per la IRS records di Miles Copeland, fratello di Stewart dei Police.
Sarebbero diventati "La più grande band indipendente del mondo", come li definì qualcuno: pubblicarono per la major Warner dall'88, all'inizio degli anni '90 furono una delle band più popolari del pianeta, ma senza mai perdere uno spirito diverso, che li spinse diverse volte a fare scelte controconcorrente per mantenere la propria identità. Per esempio non andare in tour nel periodo di maggior successo, nel '91-92. O quella di sciogliersi 31 anni e 80 milioni di copie dopo, nel 2011, quando avrebbero potuto andare avanti ancora senza problemi. "Si lascia una festa quando è ancora divertente", commentò Michael Stipe.

 Michael Stipe, Peter Buck, Mike Mills e Bill Berry hanno dato vita a un gruppo tra i più influenti e importanti di questi decenni, e la loro eredità è mantenuta in vita dalle ristampe e dalle operazioni di riscoperta del catalogo, che periodicamente vengono proposte dopo il 2011.

Di quella storica sera ad Athens rimangono solo alcune foto, come questa pubblicata dalla band nella sua newsletter, per ricordare l'evento:

https://a6p8a2b3.stackpathcdn.com/NmYkL0kP6QP9GZVkSkHyQ_evWJY=/700x0/smart/https%3A%2F%2Fmcusercontent.com%2F66234fd37699c497408525990%2Fimages%2Fb2a94bb9-601e-40f9-81d1-7b1dc9304e66.jpg

Noi festeggiamo il loro compleanno  con la musica che pubblicarono mella primissima fase, dal loro primo singolo per la Hib-Tone Records a quella per la I.R.S. records, l’etichetta indipendente per la quale hanno inciso prima di legarsi alla major Warner.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.