'Vivere di musica non è facile, devi combattere': intervista al cantautore partenopeo Lelio Morra

'Vivere di musica non è facile, devi combattere': intervista al cantautore partenopeo Lelio Morra

Ha all'attivo collaborazioni con Perturbazione, Ornella Vanoni e Deborah Iurato, partecipazioni a manifestazioni importanti quali il Premio De André, Musicultura e il talent per autori di canzoni Genova Per Voi e un album di inediti ("Le conseguenze dell'umore", uscito nel 2013 perl l'etichetta PoloSud Records) al quale farà presto seguito un nuovo disco. Stiamo parlando di Lelio Morra, cantautore partenopeo classe 1986 da poco trapiantato a Milano: "L'unico motivo per il quale mi ci sono trasferito è per raccogliere occasioni nuove", spiega Lelio a Rockol, "e sta succedendo: ho avuto la fortuna di incontrare determinate persone interessate al mio progetto.

Non è facile vivere di musica se non sei già un artista affermato: devi combattere. Io, da ormai qualche tempo a questa parte, sto giocando una partita a Risiko e, nel mio piccolo, provo a lasciare delle bandierine".

Il percorso musicale di Lelio Morra comincia dieci anni fa da Napoli, quando - dopo aver trascorso l'infanzia e l'adolescenza ad ascoltare Pino Daniele, De Gregori, Beatles, Radiohead e Strokes - fonda la sua prima band, gli Eutimìa, e vince il Premio De André 2005 come miglior interprete e partecipa a Musicultura (il festival musicale dedicato alle nuove promesse fra i cantautori italiani). In seguito alla pubblicazione di un disco, interamente autoprodotto, la band si ferma e Lelio parte per la Francia: "Ci sono rimasto per tre mesi, a suonare per strada e a scrivere canzoni. In quel periodo, molto difficile per quanto mi riguarda, ho ascoltato molto i Beirut, una band metà americana e metà francese le cui canzoni sono dei veri e propri inviti a viaggiare", ricorda il cantautore, che quando rientra in Italia mette su un nuovo gruppo, i JFK & La Sua Bella Bionda, con il quale apre i concerti di Perturbazione, Tiromancino e Jamiroquai.





Un'esperienza significativa arriva nel 2012: la frequentazione del CET di Mogol - la scuola fondata da Mogol ad Avigliano Umbro, nelle campagne di Terni - vede delinearsi un nuovo cammino professionale e artistico per Lelio, quello dell'autore e compositore non solo per sé, ma anche per altri cantanti.

Tanto che, nel 2013, il musicista partenopeo si presenta in gara al talent per autori di canzoni Genova Per Voi: "Arrivai secondo, nel 2013, con 'Elena': grazie a Genova Per Voi ho conosciuto Federica Abbate e ho cominciato ad immaginarmi anche come autore", dice il cantautore, "con Federica ho scritto 'Danzeremo a luci spente', interpretata poi da Deborah Iurato: ricordo che una mattina Federica mi chiamò per dirmi che la nostra canzone sarebbe stata cantata in prima serata, su Canale 5, ad Amici. In un primo momento rimasi stordito: non avevo mai seguito Amici e non apprezzavo quel format. Poi, però, mi resi conto che fu un bel riconoscimento, sia per me che per Federica".







Oltre a Deborah Iurato, Lelio ha avuto modo di collaborare con altri cantanti italiani: tra questi anche Ornella Vanoni, insieme alla quale il cantautore ha scritto il brano "Vivi ogni momento", nel 2015, ad oggi inedito. "La mia ambizione principale, però, è essere un cantautore, un musicista", precisa Lelio, "ovvero suonare molto dal vivo e, in parallelo, scrivere anche per altri. A volte mi è capitato pure di scrivere per commissione, ma ho cercato di non snaturare la mia scrittura: ho semplicemente ragionato su chi, come e cosa potesse cantare quello che scrivevo io".


Lelio, che nel 2015 e nel 2016 ha pure provato a partecipare a Sanremo tra le "Nuove Proposte" (rispettivamente con "Il cuore detta legge" e "Dedicato a chi" - brano, quest'ultimo, con un testo scritto da Cheope su musica dello stesso Lelio e di Federica Abbate), sta attualmente lavorando al suo nuovo album di inediti, il primo come solista.

(di Mattia Marzi)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.