Grammy Awards 2016, Taylor Swift vince il premio Album of the Year: a Mark Ronson e Bruno Mars la statuetta Record of the Year

Grammy Awards 2016, Taylor Swift vince il premio Album of the Year: a Mark Ronson e Bruno Mars la statuetta Record of the Year

Proseguono con gli omaggi ai grandi scomparsi i cinquantottesimi Grammy Awards: dopo il set di Lady Gaga in onore di David Bowie, sul palco salgono Chris Stapleton, Gary Clark Jr. e Bonnie Raitt per il tributo al re del blues elettrico B.B. King. Piatto forte del set è "The Thrill Is Gone", uno dei brani più celebri del gigante delle dodici battute.

Nel frattempo, Rihanna si scusa - via Twitter - per la defezione dell'ultimo momento:

Tornano sul palco gli Alabama Shakes, questa volta in veste di performer, per eseguire - ovviamente - la premiatissima "Don't Wanna Fight". Resta il rock sotto i riflettori: Dave Grohl sale sul palco per ricordare Lemmy Kilmister - "una leggenda, sono felice di chiamarlo amico". Il frontman dei Foo Fighters introduce le versioni-tributo di "Bad as I am" e "Ace of spades" degli Hollywood Vampires: immersi in uno scenografia da rock show dei tempi d'oro, con tanto di lingue di fuoco e nebbia sparata sul palco, Alice Cooper, Duff McKagan, Johnny Depp, Matt Sorum e Joe Perry alzano il volume degli amplificatori oltre il livello di guardia rendendo un buon servizio agli inni dei Motorhead. A sovrastare il palco, una pedana con il basso, l'amplificatore, il cappello e gli stivali di Lemmy.

Il giovanissimo (12 anni) Joey Alexander viene introdotto dal CEO della Recording Academy Neil Portnow e da Common, poco prima della frazione battezzata "in loving memory", che ricorda tutti i personaggi dell'industria discografica scomparsi di recente: non manca un appello a un'equa distribuzione dei profitti nella filiera discografica. Tra i celebrati, Maurice White, BB King, Glenn Frey, David Bowie, Ben E King, Dan Hicks, Lemmy Kilmister, Scott Weiland, Chris Squire degli Yes, Ornette Coleman, Pierre Boulez e Natalie Cole.

Gli Earth Wind & Fire introducono il premio Album Of The Year, assegnato alla star della serata Taylor Swift per "1989" a dispetto di una concorrenza di tutto rispetto composta da Alabama Shakes, Kendrick Lamar e The Weeknd. Spetta invece a Beyoncé introdurre il vincitore nella categoria "Record of the year" (riservata agli autori dei brani), assegnato a Mark Ronson e Bruno Mars per "Uptown Funk".

Il numero musicale conclusivo è affidato a Pitbull, Robin Thicke e Travis Barker (Blink 182), che attaccano con l'esecuzione di "El Taxi" per finire con "Bad Man".

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.