David Gilmour all'Arena di Verona: il report del concerto

David Gilmour all'Arena di Verona: il report del concerto

Una chitarra inconfondibile, una super band, un palco semplice ed elegante sormontato dal classico “cerchio” di luci di floydiana memoria.  Sono questi gli ingredienti del concerto di David Gilmour andato in scena all'Arena di Verona per promuovere “Rattle that lock”, ultima fatica dell'ex voce e chitarra dei Pink Floyd, in uscita venerdì 18 (qua il nostro ascolto in anteprima).
Fin dal pomeriggi si capisce che l'attesa è tanta. La venue è gremita oltre ogni misura. Anche se non tutti hanno raggiunto il loro posto, alle 21 in punto Gilmour si presenta sul palco. Nonostante il disco non sia ancora nei negozi, l'inizio del concerto è affidato a brani inediti: fin dalle prime note la strumentale “5 A.M.” rivela che, nonostante siano passati ben nove anni dall'ultimo tour, il tocco sulla sei corde e il gusto musicale sono rimasti sempre gli stessi. Segue la title track “Rattle that lock”, singolo dall'incedere molto flyodiano, e “Faces of stone”, brano che regala un lungo assolo finale, il primo di una lunga serie.
A questo punto Gilmour saluta il pubblico, ricorda la sua ultima esibizione all'arena nel lontano 1988 (era il maggio 1989, in realtà) e spiega che da questo momento suonerà anche brani un po' più familiari. Così imbraccia una chitarra acustica e attacca l'inconfodibile, e sempre emozionante, giro di note che introduce “Wish you were here”.

Caricamento video in corso Link

Da questo momento il concerto si alterna in due momenti ben distinti. Da un lato la “nostalgia”, ovvero il ripescaggio di canzoni dallo sterminato repertorio dei Pink Floyd: operazione sottolineata anche dalle proiezioni all'interno dello schermo a forma di cerchio (su “Money” le immagini delle monete, nonché spesso i tanti visual creati dal compianto Storm Thorgerson); dall'altro la produzione di Gilmour solista, che concede qualche incursione anche nel precedente “On an island”.La prima parte dello show di conclude con “High Hopes”, con l'indimenticabile suono della campana e un Gilmour ispiratissimo che si esibisce in un lungo assolo con la slide guitar nell'ovazione generale del pubblico.

Dopo una pausa di venti minuti si riparte in una pioggia di luci lisergiche e colorate. La band attacca “Astronomy domine”, unica concessione del repertorio dei Pink Floyd di Syd Barrett, seguita da “Shine on you crazy diamond”, dedicata proprio all'ex fondatore della band.

Caricamento video in corso Link

Fra i musicisti spiccano soprattutto i collaboratori storici. Phil Manzanera alle chitarre, Guy Pratt al basso e Jon Carin alle tastiere creano un muro di suoni e ritmi sui quali Gilmour può disegnare le sue melodie. Se è vero che gran parte del concerto si basa su questo effetto nostalgia, bisogna riconoscere che Gilmour ha inserito nella scaletta solo quei brani dove il suo marchio di fabbrica è evidente. “Sorrow” e “Run like hell” sono emblematici per esaltare il suo stile chitarristico e se sono rimasti nell'immaginario dei fan è grazie soprattutto al suono della sua sei corde. Ed è proprio per questo motivo che il concerto si conclude, come sempre, con “Confortably numb” e il suo memorabile assolo. 

Caricamento video in corso Link

Gilmour ringrazia, le luci si accendono e il pubblico abbandona l'Arena soddisfatto. Stasera si replica a Firenze.

(Simone Bianchi)

 

SETLIST 

5 A.M. 
Rattle That Lock 
Faces of Stone 
Wish You Were Here 
A Boat Lies Waiting 
The Blue
Money 
Us and Them 
In Any Tongue 
High Hopes 

Set 2
Astronomy Domine
Shine On You Crazy Diamond (Parts I-V) 
Fat Old Sun 
On an Island
The Girl in the Yellow Dress 
Today
Sorrow 
Run Like Hell 
Encore:
Time/Breathe
Comfortably Numb 

Dall'archivio di Rockol - Quella volta che David Gilmour entrò in un ristorante in moto
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.