Slash: 'L'industria discografica fa schifo'

Slash: 'L'industria discografica fa schifo'

Intervistato da Radio Nova a margine della sua apparizione al festival di Download, Saul Hudson - meglio conosciuto col nome d'arte di Slash - si è scagliato contro il music business attuale: secondo l'ex chitarrista dei Guns N' Roses, le dinamiche che regolano le operazioni delle major oggi - unita alla mancanza di motivazioni dei colleghi più giovani, anche i più talentuosi - hanno contribuito al totale appiattimento della qualità della musica pubblicata, la cui unica vera funzione - a suo dire - sarebbe quella di segnalarsi il prima possibile nelle classifiche senza avere alcun programma a medio-lungo termine.


"L'industria discografica in sé fa schifo: è diventata molto aziendalista e materialista. Anche gli artisti, adesso, cercano di conformarsi ai suoi dettami. Una volta gli artisti litigavano con la casa discografica che era interessata solo a fare soldi, e certe volte il meccanismo funzionava, perché le etichette lavoravano sui gruppi e sui cantanti. Adesso l'unica cosa che importa è finire nella top 40. Anche le band heavy metal ci provano. E la cosa non è molto stimolante, come lo era per me, e com'era negli anni '60, '70 e '80, quando c'era quel senso di eccitazione e ribelline e tutto il resto. Per quanto mi riguarda, io continuo a fare quello che ho sempre fatto, che va in direzione esattamente opposta a quello che è l'industria musicale oggi. Magari in futuro le cose potranno andare meglio, gli alti e i bassi ci sono ovunque. Fatto sta che per i giovani artisti, oggi, è dura, anche se di talento: se il tuo primo singolo non finisce nella top 40, hai finito di lavorare. E per finire nella top 40 sei costretto a scendere a compromessi, compiacendo il music business"

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.