Cirque du Soleil a Milano con "Quidam": il report

Cirque du Soleil a Milano con "Quidam": il report

3.800 dipendenti, 9 spettacoli itineranti nel mondo e sette città internazionali che ospitano quelli fissi (nella sola Las Vegas ne vanno in scena 8 in contemporanea). Cirque du Soleil ha riscritto, in 30 anni di vita, la storia del Circo trasformandolo, da spettacolo in apparente irreversibile decadenza, a vetrina di tutto il meglio che la giocoleria, gli acrobati e i mimi hanno saputo creare in questi decenni.

Un circo senza animali (e senza le annesse polemiche di sfruttamento e sofferenze) e con i migliori artisti delle più nobili tradizioni acrobatiche internazionali (cinese e russa in primis) alla costante ricerca dell'innovazione, dell'esercizio che spezza il respiro, del mai visto, mai pensato, mai tentato.

La sublimazione di decenni di esercizi, spettacoli, evoluzione tecnica, tecnologica e scenografica. La formula Cirque du Soleil funziona ancora a meraviglia, macina sold out in tutto il mondo e regala emozioni ad un pubblico di ogni età.

La tappa milanese dello spettacolo "Quidam" - al Forum di Assago ieri la prima, repliche fino a domenica 23 -  non sfugge a questa regola. Immancabile l'orchestra dal vivo (se Allegria, lo spettacolo più famoso di questa compagnia canadese puntava su sonorità italiane, "Quidam" vira verso suoni tzigani con forte impronta di violini) e una quarantina tra acrobati e clown. Due ore di spettacolo prima della standing ovation finale per la gli artisti internazionali che si susseguono sul palco.

"Quidam" non è probabilmente il migliore tra i venti spettacoli creati dalla compagnia ma non fa certo mai rimpiangere i soldi spesi per il biglietto. Rimane un evento unico che non dovreste farvi sfuggire qualora fosse a una distanza ragionevole dal vostro luogo di residenza.


(Fabrizio Zanoni)

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.