Max Gazzé presenta 'Un giorno': ''Amore' è la parola chiave'

Max Gazzé presenta 'Un giorno': ''Amore' è la parola chiave'
Credits: Emanuela Bonetti

Max Gazzé è da sempre un personaggio anomalo nel panorama pop italiano: una figura non allineata, sempre al di fuori delle logiche di mercato e di marketing, che non si smentisce neanche nel presentrare al pubblico il suo nuovo album, intitolato "Un giorno", a breve nei negozi.

"Non avevo voglia di realizzare il solito prodotto omologato agli standard radiofonici che 'tranquillizza' i discografici", ci ha confessato un sorridente Max, raggiunto telefonicamente da Rockol: "Avevo delle idee sotto forma di provino, che ho sottoposto ai Peng, un gruppo con quale ho un affiatamento musicale davvero invidiabile. Dopo qualche sessione di lavoro ho buttato via tutto quello che avevo fatto mettendomi a scrivere i brani in collaborazione coi miei musicisti. Il risultato ci ha convinto, e per ottenere atmosfere il più reali possibili abbiamo scelto di eliminare completamente gli overdub e la postproduzione, facendo invece molta attenzione alla cattura del suono 'naturale' realizzato con strumentazioni rigorosamente vintage". Una scelta intransigente rara in ambito mainstream, che fa pensare più alla filosofia di Steve Albini che ad una produzione italiana. "In origine proprio Albini (guru del rock indipendete a stelle e strisce, fondatore dei Big Black e degli Shellac nonché collaboratore - tra gli altri - di Pixies, Nirvana, Will Oldham, Jon Spencer e PJ Harvey) avrebbe dovuto mixare 'Un giorno': saremmo andati a Chicago a finire il lavoro ma i suoi impegni non ce l'hanno permesso. Così abbiamo scelto di realizzare il tutto in Italia con un occhio di riguardo al suo modus operandi", ci ha detto Gazzé. "Del resto, mi sarebbe stato impossibile registrare questo disco in maniera differente: 'Un giorno' è nato in modo diverso rispetto alle mie passate produzioni: è un album, questo, frutto della grande grande sintonia nata tra me e i miei collaboratori (e non è un caso che Daniele Silvestri, amico di lunga data di Max, appaia con la sua voce in 'Pallida'). Ci siamo riscoperti live band, e questo ha dato un'impronta assolutamente diversa a tutto il disco". Già, perché sono due le parole chiave per capire questo nuovo capitolo nella carriera del cantautore italiano quasi per adozione: amore e comunicazione. "Amore", ci spiega Gazzé, "perché - che le canzoni e gli arrangiamenti siano belli o brutti - un disco piace innanzitutto se è sincero. L'entusiasmo e la passione che io e i Peng (band che l'ha accompagnato in studio e che lo seguirà anche dal vivo) è il primo aspetto che ci aspettiamo venga percepito dal pubblico. Per questo 'comunicazione', parlando di 'Un giorno', è un altro concetto importante: sono stanco dei prodotti confezionati che non sanno dare emozione". E a questo proposito ci ricordiamo che, poco più di un anno fa, lo stesso Max ci rilasciò un'intervista nella quale, addirittura, minacciava di abbandonare la musica disgustato dall'ambiente - quello discografico - che lo circondava. "Sì, ricordo quel periodo", ammette Gazzé, "Ero stanco e avevo l'impressione che le case discografiche mi ignorassero e ignorassero anche il mio grido di allarme su certi argomenti - la pirateria in primis - che mi parevano volutamente trascurati. Io non potrei mai abbandonare la musica, perché e la mia vita: vorrei sdrammatizzare quando affermato l'anno scorso, perché sono ottimista di natura. Non nascondo di aver avuto qualche parere perplesso - da parte della discografia - anche in occasione della pubblicazione di 'Un giorno', disco decisamente non convenzionale nel panorama pop italiano. Ma non mi scoraggio e tiro dritto: preferisco un Cd che non venda un milione di copie rispetto a un prodotto nato in vitro e 'inparruccato' in vista dell'immissione sul mercato". Presto Max si confronterà con le platee italiane: "Il nostro tour partirà il prossimo 22 giugno dal Villaggio Globale di Roma: attualmente, siamo in fase di prova e le cose vanno molto bene. Un po' perché i brani nuovi sono nati in una dimensione live, un po' perché, oltre a me, ci sarà un altro bassista nella band, e un po' perché i brani vecchi che inserirò in scaletta verranno completamente stravolti. Posso assicurarvi chi vedrà questo spettacolo non vedrà un solito concerto di Max Gazzé".

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.