Comunicato Stampa: Kraftwerk in concerto a Roma e Torino il 17 e 18 maggio

La redazione di Rockol non è responsabile del contenuto di questa notizia, che è tratto da un comunicato stampa. Artisti, etichette e aziende che vogliono rendere note le proprie iniziative attraverso la pubblicazione di un loro comunicato stampa in questa sezione possono indirizzare una e-mail a presskit@rockol.it. La pubblicazione dei comunicati è a discrezione della redazione.


DNA concerti & Grinding Halt presentano:
Lun. 17 MAGGIO 2004 presso GRAN TEATRO DI ROMA
Mart. 18 MAGGIO 2004 presso AUDITORIUM GIANNI AGNELLI (LINGOTTO) DI TORINO

KRAFTWERK

IN CONCERTO

DUE SOLE DATE IN LOCATION PRESTIGIOSE PER GLI INVENTORI DEL SUONO ELETTRONICO, PIONIERI DI UN SOUND CHE DAGLI ANNI '70 NON SMETTE DI INFLUENZARE TUTTO IL MONDO MUSICALE.

Inutile nascondersi dietro a pareti trasparenti, in arrivo in Italia dopo oltre 17 anni di silenzio il gruppo in assoluto più influente degli ultimi 30 anni di storia musicale, i Kraftwerk. La storia di questo gruppo, iniziata nel lontano 1971, ha lasciato solchi profondi ed indelebili nel proseguo storico dell'universo pop influenzando interi generi dalla new-wave alla disco, dalla techno fino all'hip hop. L'incontro con l'avanguardia e la storia della musica (mai termine generalista è stato così azzeccato) è previsto in due location prestigiose come l'Auditorium Gianni Agnelli al Lingotto di Torino ed il Gran Teatro di Roma, ovvero nella città e nel luogo simbolo dell'industrializzazione italiana e una città che è assoluto simbolo per la storia mondiale.

Nessuno ha avuto come i Kraftwerk un'influenza sullo sviluppo della musica popolare moderna, una influenza paragonabile, con le dovute proporzioni ai Beatles, per come poi le idee e le concezioni della band di Dusseldorf sono andate ad incunearsi nelle tessiture della musica nata dopo gli anni '70. Band come Devo, Depeche Mode, Ultravox, D.A.F. non sarebbero neppure immaginabili senza la presenza dei Kraftwerk come anche tutta la scena dance/elettronica più attuale dai Chemical Brothers ai Daft Punk passando per tutta la generazione hip hop e per le sperimentazioni di Aphex Twin & Co.
Le menti del progetto Kraftwerk, che si accinge a giungere in Italia per queste due attesisissime e prestigiose date, sono Ralf Hütter e Florian Schneider conosciutisi nei primi anni '70 al conservatorio di Dusseldorf, accompagnati Fritz Hilpert e Henning Schmitz, ovvero la formazione che nel bel mezzo dell'estate 2003 ha pubblicato uno dei ritorni più attesi dal mondo discografico, Tour De France Soundtracks, il primo album dei Kraftwerk dopo 17 anni di assenza dalle scene, un'assenza che era stata interrotta nel 2000 solo dal singolo commemorativo Expo 2000 dedicato e commissionato dall'Expo di Hannover.

“Faremo uscire qualcosa soltanto quando lo riterremo rilevante per noi o per il pubblico” così diceva Ralf Hütter qualche anno fa e dopo questa dichiarazione ecco Tour De France Soundtracks dedicato ai 100 anni della celeberrima corsa di biciclette francese, perchè, continua Hütter, “Il ciclismo è armonia tra macchina e uomo, è una continua spinta in avanti, proprio come la nostra musica”.

Tour De France Soundtracks (uscito per Astrawerks/EMI) è un disco che riprende il discorso interrotto quasi venti anni prima da Electric Cafè (eco di capolavori assoluti come Radio-Activity, Trans Europe Express e The Man-Machine) e di conseguenza tutta la storia passata dei Kraftwerk (parola che in tedesco significa “centrale elettrica”). Canzoni, quelle dei capostipiti della generazione elettronica, che vanno oltre il tempo superandolo a piè pari, stabilendo il confine tra passato e futuro, definendo, come mai, uno stile unico ed indiscutibilmente personale attraverso un mondo digitale fatto di ritmi sintetici, melodie semplici ed accattivanti, soluzioni sonore fluide e un sense of humor che rende li rende diversi e decisamente su un altro livello rispetto a tutte le produzioni elettroniche ed elettro-pop che si è soliti ascoltare, produzioni che molto spesso si prendono troppo sul serio. Nei Kraftwerk c'è tutta la finezza e l'intelligenza dell'avanguardia e 17 anni di silenzio non hanno smussato le caratteristiche del gruppo tedesco che appare equilibrato e capace di fondere la freddezza della strumentazione digitale e sintetica con l'ispirazione romantica tipicamente mittleleuropea tanto sperimentale e glaciale quanto sensuale. .


Questo tour è un'occasione unica per conoscere da vicino chi ha creato per primo la contaminazione elettronica stabilendo le basi per lo sviluppo di sonorità che oggigiorno si sentono praticamente in ogni disco.

Biglietti in prevendita a breve su Ticketone, Lastminute, call center Pagine Gialle 892424

Info per ROMA:
Inizio Concerto ore 21.00 – ingresso 20 € / 30 € / 38 € + prevendita
Indirizzo: Gran Teatro, Viale Tor Di Quinto – Roma – www.granteatro.it

Info per TORINO:
Inizio Concerto ore 21.00 – ingresso 32 € / 42 € + prevendita
Indirizzo: Auditorium Gianni Agnelli (Lingotto), via Paolo Sarpi 111 - Torino

Infoline al pubblico: www.dnaconcerti.com – info@dnaconcerti.com – tel. 06.47823484
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2022 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.