La morte di L'Wren Scott, compagna di Mick Jagger. Le ipotesi

La morte di L'Wren Scott, compagna di Mick Jagger. Le ipotesi

Possibile che una donna che decida di togliersi la vita si metta allegramente a mandare tweet poco prima del gesto? Possibile che un'aspirante suicida, qualche ora prima, si rallegri gioiosamente perché Julianna Margulies al programma di Jimmy Fallon ha indossato un vestito della sua collezione? Domande che forse lasciano il tempo che trovano, ma che in un modo o nell'altro le autorità preposte probabilmente prenderanno in considerazione perché il caso della morte di L'Wren Scott, da parecchi anni compagna di Mick Jagger, presenta ancora parecchi punti oscuri. In queste prime ore convulse c'è chi punta il dito contro Sir Mick, lasciando velatamente intendere che sarebbe "colpa" sua: non ha mai voluto "regolarizzare" la relazione, non l'ha mai voluta come moglie. D'altro canto invece c'è chi afferma che a lei, vero nome Luann Bambrough, 49 anni, cresciuta nello Utah e scoperta dal grande fotografo Bruce Weber, d'essere moglie o non moglie non gliene importasse un fico secco. Ma - comunque - perché una bella donna, altissima (1.91), agiata, partner di uno dei cantanti più famosi del mondo, pietra miliare del rock, innamorata del proprio lavoro, deve dire addio alla vita in un bell'appartamento sulla Undicesima Strada di Chelsea, New York? Il caso di questa donna, i cui vestiti sono appesi nei guardaroba di (tra le altre) Nicole Kidman e Michelle Obama, ricorda vagamente quello dell'ultimo grande, grandissimo genio della moda: Alexander McQueen. Solo che lo stilista, suicidatosi a Londra nel 2010, si "faceva" ed era rimasto sconvolto dalla morte di sua madre. Con L'Wren, almeno per ora, non si ha notizia di fatti di simile portata. A meno che. Mentre Madonna, scioccata, dice "una perdita terribile e tragica, amavo le cose che faceva e lei era sempre così generosa con me", prende timidamente piede una voce.

Secondo infatti quanto riporta l'edizione online del "Daily Mail", tra i colossi dei quotidiani britannici, l'azienda della stilista, LS Fashion Ltd, aveva accumulato 6 milioni di dollari di debiti mentre L'Wren era personalmente in rosso per oltre 7 milioni di dollari. E sarebbe stata questa la ragione per la quale, nello scorso gennaio, la donna aveva annullato all'ultimo momento la sua sfilata alla Settimana della Moda di Londra. Ma questo potrebbe condurre al suicidio? Probabilmente no, perché prima di tutto si tratta di cifre che lei stessa conosceva perlomeno dallo scorso ottobre, e poi anche perché una persona in preda a spaventose preoccupazioni finanziarie difficilmente si metterebbe a giocare con Twitter poco prima di farla finita.

Il fatto certo è che, se questa donna alta come una pertica  - trovata strangolata da una sciarpa appesa ad una maniglia di una porta - non ha lasciato un biglietto, una nota, probabilmente si brancolerà per sempre alla ricerca di un vero perché. Come ancora si fa con Michael Hutchence. Morto impiccato ad una porta.

Sir Mick, 70 anni, stava con L'Wren dal 2001 ma a quanto pare i due si conoscevano dal 2000. Il cantante dei Rolling Stones si sposò per la prima volta nel maggio '71, quando disse "sì" a Bianca a Saint-Tropez. La coppia si separò nel 1977 e lei chiese il divorzio nel 1978 per adulterio. Nel 1977 infatti Jagger aveva iniziato a frequentare la bella modella texana Jerry Hall, che poi sposò nel novembre 1990. Il matrimonio fu annullato nell'agosto 1999. Ma le due ex mogli non sono certo le sole donne entrate nella vita del cantante. Tra relazioni vere, meno vere o fugaci sono infatti da annoverare quelle con Bebe Buell, Carla Bruni, Angelina Jolie, Anita Pallenberg, Linda Ronstadt, Marianne Faithfull, Carly Simon, Marsha Hunt e Luciana Gimenez. Queste ultime due sicuramente qualcosa a che fare con Sir Mick l'hanno avuta, visto che Marsha gli ha dato la figlia Karis e Luciana il figlio Lucas. In tutto Jagger ha avuto sette figli da quattro donne.
 

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.