Scoperto il medico di Michael Jackson, ha ricominciato a lavorare

 Scoperto il medico di Michael Jackson, ha ricominciato a lavorare

E' stato con TMZ, si torna a TMZ. Fu il celebre sito di gossip a dare per primo al mondo la notizia della morte di Michael Jackson, è ora nuovamente lo stesso a rintracciare il medico condannato per la morte dell'artista. Conrad Murray, il dottore assunto da AEG Live affinché curasse la salute del Re del Pop in vista della sua lunga residency presso la 02 Arena di Londra nel 2009, come noto è uscito di prigione nello scorso ottobre dopo aver scontato 2 dei 4 anni di reclusione assegnatigli. TMZ ha scoperto che fine ha fatto dopo aver dato l'addio alle sbarre. Murray, si apprende, è "back in business": ha ricominciato a fare il medico come faceva prima.

Più esattamente, adesso Murray si occupa di bambini con problemi cardiologici. Il medico, a quanto pare, non viene retribuito perché il Paese in cui si trova, Trinidad, non prevede rimborsi a chi come lui presta opera da volontario; tuttavia è sempre "a foot in the door", un modo obliquo per intrufolarsi nuovamente nella professione. Dopo aver appreso la notizia che il medico, la cui licenza è stata revocata in Texas e sospesa in California e in Nevada, sta lavorando nuovamente nel suo campo, il quotidiano "Trinidad Express" ha pubblicato un servizio in cui si afferma che Fuad Khan, il ministro della Salute della nazione caraibica, ha specificato che Murray non tratterà personalmente alcun bambino e non è stato assunto da nessuna organizzazione: è un consulente volontario e basta.




Contenuto non disponibile







Trinidad e Tobago, nelle Piccole Antille, è uno Stato al largo del Venezuela formato dall'isola di Trinidad, da quella di Tobago e da varie isole minori.
 

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.