Comunicato Stampa: Gilberto Gil e Maria Bethania a 'Salento Negroamaro'

La redazione di Rockol non è responsabile del contenuto di questa notizia, che è tratto da un comunicato stampa. Artisti, etichette e aziende che vogliono rendere note le proprie iniziative attraverso la pubblicazione di un loro comunicato stampa in questa sezione possono indirizzare una e-mail a presskit@rockol.it. La pubblicazione dei comunicati è a discrezione della redazione.


Salento Negroamaro
Rassegna delle culture migranti 2003
presenta

GILBERTO GIL E MARIA BETHANIA PROJECT
16 luglio 2003 - ore 21.00
Palazzo dei Celestini – LECCE

Gilberto Passos Gil Moreira è nato in Salvador de Bahia il 26 giugno 1942.

All’età di 18 anni forma la sua prima band chiamata “Os Desafinados” dove diventa un discreto musicista di fisarmonica e vibrafono. In quegli anni si consuma con l’avvento della bossanova in Brasile, ma non solo ,una delle più importanti rivoluzioni musicali. Gilberto Gil ascoltando Joao Gilberto ne rimane folgorato, ed abbandona la fisarmonica intraprendendo lo studio della chitarra. Agli inizi degli anni 60, egli è già compositore nonostante non interrompa i suoi studi d’economia all’Università di Bahia ,In questi anni dividendosi tra studio/lavoro diurno e concerti in giro per locali notturni entra in contatto con la musica quella più popolare delle canzoni,ma anche con il mondo dell’avanguardia,del jazz del grande rock di quegli anni. “Bem Devagar” (1962) seguita da “Gilberto Gil, sua musica, sua interpretaçao” sono i suoi primi lavori. .


Il 1963 per la vita di Gil è una delle tappe più importanti poiché incontra Caetano Veloso,Maria Bethania, Gal Costa e Tom Zé.

Da questo sodalizio nasce quel movimento chiamato“Tropicalismo” che segnerà il nuovo corso della musica brasiliana e non solo : la grande e composita tradizione musicale di questo paese incontra ciò che in quegli anni stava succedendo in tutto il mondo dai Beatles a Jimi Hendrix. Con uno straordinario concerto dei 4 insieme al teatro Vila Velha di Salvador de Bahia il tropicalismo prende il volo per il mondo un effervescente arcobaleno fatto di nuove sonorità,struggenti canzoni, ardite cover, collaborazioni continue, impegno politico contro il sangue che le dittature in quegli anni facevano scorrere. Altri due grandi personaggi fondamentali per la carriera/vita di Gil sono Chico Buarque, ed il poeta Torquato Neto. Con loro si compongono a vario titolo collaborazioni e legami che segneranno per sempre la sua musica. La musica di Gil nell’arco di un’infinità di dischi (38) e di concerti resta uno splendido catalogo di suoni della terra, un punto di contatto con molteplici stili apparentemente lontani dalla musica brasiliana come il rock, il jazz, il reggae (suo grande amore), il funky, il blues, la fusion Usa, il pop. Un anelito di libertà creativa unico sul pianeta, un’idea di vita e musica come spinta liberatrice degli esseri umani un impegno ininterrotto che vede da sempre Gil, attraverso la sua musica, testimone e protagonista di battaglie per i diritti civili dai “suoi indios” dell’Amazzonia ai “meninos de rua”, un cammino che lo ha portato a diventare il Ministro della Cultura del Governo Lula un fatto epocale nella storia di questo paese e di tutto il continente latino-americano.


ESISTONO MOLTI MODI PER CANTARE E SUONARE LA MUSICA BRASILIANA GILBERTO GIL PREFERISCE USARLI TUTTI INSIEME .

MARIA BETHANIA
Nel destino di questa “grande anima “della musica brasiliana era scritto che la scena, lo spettacolo le avrebbe segnato la vita. Figlia di musicista, sorella di un certo Caetano Veloso, Maria Bethania ha condiviso con suo fratello, Gil, Zè e Gal Costa la straordinaria avventura del “Tropicalismo” divenendo uno dei cuori pulsanti di questo movimento innovativo e nel contempo quella prima donna che forse prima di lei era mancata alla musica brasiliana. Sin dagli inizi nei teatri e nei locali di Rio si è manifestata una personalità teneramente prorompente capace di dar segno di una rinnovato stile interpretativo e di una forte capacità di coniugare testi di grande lirismo con sonorità tipiche del grande patrimonio brasiliano,ma fortemente contaminate da tanta altra musica.

La carriera artistica di Maria,come quella dei suoi colleghi tropicalisti,ma come la storia artistica di tutti i grandi della musica brasiliana trae linfa dalla grande attività dal vivo.

Il “rito” del live in un paese dove la musica è così importante è l’unico passaporto per il successo e Maria Bethania da “Arena canta Bahia”e “Tempo de guerra”del 66 a “A tua presença” 71 a “Drama”72 sino a”Cena muda 74 e “Passaro prohibido” 76 costruisce questo grande successo con un infinità di concerti di cui questi album restano come preziosa testimonianza di splendide collaborazione con i suoi “complici “ tropicalisti e di un carisma ancora ineguagliato da alcuna interprete brasiliana. Proprio per tutti questi motivi dopo l’incisione di “Doces Barbaros” con “Alibi ” 77 diventa la prima donna in Brasile a vendere più di un milione di dischi: Dopodichè sino a “Diamante Verdadeiro”99 e Narcotina del 2002 la carriera di Maria Bethania è una lunga sequela di straordinari successi internazionali che la rendono la più grande interprete femminile della nuova musica brasiliana. Mancando dall’Italia da tanto tempo questa sarà una grandissima occasione anche per il carattere particolare della compartecipazione con Gil, un evento senza pari con 24 musicisti in scena a rendere un affresco di 40 anni di musica brasiliana che si annuncia storico.


Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.