Miley Cyrus e Amanda Palmer rispondono alla lettera di Sinead O'Connor

Miley Cyrus e Amanda Palmer rispondono alla lettera di Sinead O'Connor

Come già riportato, Sinead O'Connor ha scritto una lunga lettera aperta a Miley Cyrus, mettendola in guardia dai rischi del music biz e dell'oggettificazione del suo corpo ("Ti pregherei gentilmente di licenziare qualsiasi stro**o che non ti abbia messa in allarme, perché queste sono persone alle quali tu non importi. Al music business non gliene frega un ca**o di te, come del resto di noi tutti. Ti farà prostituire"). La Cyrus aveva, infatti, citato Sinead tra le sue fonti ispiratrici, cosa che ha spinto la cantautrice irlandese a scriverle.

La lettera ha, dopo poche ore, suscitato una reazione in Miley, che ha twittato una frase piuttosto polemica paragonando la O'Connor ad Amanda Bynes - giovanissima attrice e statunitense che lo scorso luglio è stata ricoverata in una struttura specializzata dopo una serie di episodi psicotici dovuti a un disordine psichiatrico, causato probabilmente da stress o forte esaurimento.
"Prima di Amanda Bynes c'era..." ha cinguettato la Cyrus, allegando uno screenshot di una serie di tweet piuttosto strazianti e confusi scritti dalla O'Connor che chiede aiuto psichiatrico e parla degli psicofarmaci che deve assumere.
MIley ha poi twittato una foto del famoso frame della performance di Sinead in cui strappò la foto del papa, nel 1992, durante un'ospitata al Saturday Night Live.

Al "dibattito", però, si è anche aggiunta la voce di Amanda Palmer, che nel suo blog ha postato una lunghissima missiva indirizzata a Sinead O'Connor. La Palmer si rivolge alla cantautrice irlandese spiegandole che - per quanto in buona fede - probabilmente il suo intervento è stato poco centrato, pur essendo d'accordo sulla natura spietata del music business.
"Ecco dove penso che tu non abbia colto il segno", spiega a un certo punto Amanda. "Miley, a quanto mi sembra di capire, sta guidando il gioco. Scrive lei il copione e firma gli assegni e anche se penso sia facile immaginarla in una stanza piena di stron*i del management e della casa discografica, non penso che nessuno di loro abbia fatto da regista per il suo piano di diventare una fierissima bomba del sesso che scuote il culo e sta mezza nuda. Creo sia tutta farina del suo sacco".
La Palmer poi continua: "Il sesso vende. Lo sappiamo tutti. E Miley lo sa meglio di chiunque altro: dondolarti nuda su una palla d'acciaio gigante semplicemente è più vantaggioso che dondolarsi su una palla d'acciaio gigante con tutti i vestiti addosso. Siamo mammiferi. 'Hey guarda un paio di tette!'. Ed è ancora più affascinante: "Guarda le tette di Hannah Montana!'. Ma niente di tutto ciò significa che Miley stia seguendo le indicazioni di altri. Anzi, mi pare che lei stia disperatamente cercando di scrivere il proprio copione e cerchi di essere davvero presa sul serio (anche se in un modo scherzoso e nuda)".

Potete leggere il testo completo (ovviamente in inglese) a questo indirizzo: http://amandapalmer.net/blog/20131003/



Contenuto non disponibile


 

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.