Doncaster, ci vorrebbero 2 milioni per riaprire la sala dei Beatles

Doncaster, ci vorrebbero 2 milioni per riaprire la sala dei Beatles

Va verso un futuro incerto, in Gran Bretagna, il St James’ Leisure Centre di Doncaster, sala presso la quale suonarono i Beatles. La notizia viene riportata dal quotidiano regionale "Thorne and District Gazette", secondo il quale occorrerebbero 2 milioni di sterline per poter
ristrutturare l'edificio che risale al 1932.

Ma i soldi non ci sono. In questo momento né il Trust che controlla il St James' né l'amministrazione comunale di Doncaster hanno fondi da destinare alla sala, che aveva chiuso parzialmente alcuni mesi fa dopo il crollo di parte del tetto e che ha serrato le porte del tutto il mese scorso dopo altri problemi strutturali. "La struttura non è sicura, nel suo attuale stato non può essere riaperta", ha riferito Andrew Burden, presidente del Doncaster Culture and Leisure Trust. Sebbene i posti di lavoro non siano a rischio, visto che il personale è già stato smistato in altri sedi, non si sa cosa fare del povero vecchio St James' che peraltro ospita anche dei bagni turchi e una piccola piscina.











Secondo BeatlesBible, in un certo senso proprio un "Bibbia" sui Fab Four, i Beatles si esibirono a Doncaster in cinque occasioni, tutte verso inizio carriera, ma all'allora così denominato St James Swimming Baths suonarono una sola volta. Fu mercoledì 20 febbraio 1963.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.