Un altro ristorante per Puff Daddy

Non accenna ad arrestarsi la smania di business alternativi alla musica di P. Diddy. Il rapper, infatti, ha intenzione di fare del suo ristorante “Justin”, una vera e propria catena negli Stati Uniti che potrebbe, prima o poi, allargarsi all’Europa. Per ora, è quasi certa l’apertura a Detroit, portando così a quota tre il numero di locali con cibo afro-americano e caraibico che Diddy ha già avviato con successo a New York ed Atlanta. Al momento, la Blue Flame, compagnia per le ricerche di mercato dell’artista, sta individuando la location più adatta per insediare il ristorante nella “motor town”.
”Justin” è anche il nome del figlio maggiore dell’artista un tempo noto come Puff Daddy, ed è solo una delle entrate alternative del rapper, il quale ha nella musica e nella moda i suoi maggiori introiti. Solo la linea d’abbigliamento "Sean John", infatti, ha realizzato l’anno scorso un fatturato di 325 milioni di dollari.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.