Comunicato Stampa: Seminario 'Suoni dal mondo'

La redazione di Rockol non è responsabile del contenuto di questa notizia, che è tratto da un comunicato stampa. Artisti, etichette e aziende che vogliono rendere note le proprie iniziative attraverso la pubblicazione di un loro comunicato stampa in questa sezione possono indirizzare una e-mail a presskit@rockol.it. La pubblicazione dei comunicati è a discrezione della redazione.

Alma Mater Studiorum – Università di Bologna
DIPARTIMENTO DI MUSICA E SPETTACOLO

CIMES
Centro di musica e spettacolo

presenta, a chiusura del Festival
SUONI DAL MONDO 2002

MUSICHE AMERICANE
Seminario
condotto da Franco Minganti

Lunedì 25 novembre 2002 ore 18 e
Giovedì 28 novembre 2002 ore 18.30

Auditorium della Johns Hopkins University
Via Belmeloro, 11 - Bologna

Ingresso gratuito

La tredicesima edizione del Festival internazionale SUONI DAL MONDO, promosso dal CIMES – Dipartimento di Musica e Spettacolo dell’Università di Bologna, dedicata a La musica del Nordamerica e le sue radici, si conclude con il seminario “MUSICHE AMERICANE” condotto dal musicologo Franco Minganti. Ingresso libero.
Il seminario costituisce un'occasione di approfondimento di alcuni dei generi musicali presentati nel corso del Festival e si articola in due appuntamenti, il primo dedicato a folk, blues e musica cajun, il secondo incentrato sul klezmer, entrambi corredati da una serie di ascolti.
Lunedì 25 novembre, ore 18 Auditorium della Johns Hopkins University
(Via Belmeloro, 11 – Bologna)

FOLK, BLUES E MUSICA CAJUN ALLA LUCE DELLA ANTHOLOGY OF AMERICAN FOLK MUSIC DI HARRY SMITH
Il primo incontro prende le mosse da una pionieristica raccolta -- una specie di bootleg ante-litteram -- di dischi di etichette Columbia, Brunswick e Victor usciti negli anni Venti e Trenta. La Anthology of American Folk Music, 84 tracce pubblicate nel 1952 dalla Folkways a cura di quell'eccentrico collezionista e filmmaker che risponde al nome di Harry Smith, sarebbe divenuta il nucleo seminale del folk music revival americano della fine degli anni Cinquanta e degli anni Sessanta. Quella musica, che unisce ballate anglosassoni, canzoni a ballo degli Appalachi, blues di vario genere e motivi francofoni di musica cajun, sarebbe diventata una specie di lingua franca tra i musicisti e i poeti dell'"altra America", il "testo segreto di un paese segreto" come ha scritto Greil Marcus.
Franco Minganti. Insegna letteratura americana all'Università di Bologna. Si occupa prevalentemente delle trasformazioni dello storytelling americano alle prese con le triangolazioni dei media dello spettacolo (radio, cinema, tv/video, musica, fumetto, computer fiction). Autore di numerosi saggi di argomento musicale, ha organizzato convegni di studio sulla popular music, la Beat Generation, i rapporti tra jazz e letteratura, curandone i relativi atti (Rock Steady/Rock Study, Beat Generation, The Beat Goes On: 50 anni di controcultura, Jazztoldtales).
INFO: CIMES tel. 051.2092022-16 ufficiostampa@muspe.unibo.it - www.muspe.unibo.it/cimes
Il Festival si chiude con il secondo e ultimo incontro del seminario condotto da Minganti: Giovedì 28 novembre, ore 18.30: KLEZMER, UN CASE-STUDY (seguirà comunicato)
Dall'archivio di Rockol - Music Biz Cafe, parla Andrea Rosi (Sony Music Italy)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.