Debutta Jade Anderson, figlia di Jon degli Yes

Sta per uscire “Dive deeper”, il primo album di Jade Anderson, figlia di Jon degli Yes.

Jade non ha però certamente seguito il celebre papà e su “Dive deeper” non vi è traccia delle monumentali composizioni dei rockosauri anni Settanta: l’intero disco è giocato su sfumature pop-soul. La cantante ha 21 anni, è nata a Londra e la sua prima esperienza musicale risale a quando aveva 8 anni: il papà la obbligò a cantare una canzone con Ringo Starr, l’ex batterista dei Beatles. A 16 anni se ne andò di casa e visse in giro per Londra presso degli amici. Il suo hobby: scrivere poesie. E proprio da queste poesie è nata l’ossatura dell’album, assemblato col multistrumentista Eg. Il sito ufficiale di Jade, jadeandersononline.com, afferma che il CD uscirà “nel corso dell’estate”; dallo stesso Website è possibile scaricare 4 brani in Real Audio.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.