Comunicato Stampa: Concerto dei Bad Religion

Comunicato Stampa: Concerto dei Bad Religion
La redazione di Rockol non è responsabile del contenuto di questa notizia, che è tratto da un comunicato stampa. Artisti, etichette e aziende che vogliono rendere note le proprie iniziative attraverso la pubblicazione di un loro comunicato stampa in questa sezione possono indirizzare una e-mail a presskit@rockol.it . La pubblicazione dei comunicati è a discrezione della redazione.

BAD RELIGION + SPECIAL GUEST: BEATSTEAKS
Domenica 3 FEBBRAIO 2002
MILANO – ROLLING STONE
Corso XXII Marzo, 32 – tel. 02.733172

Arrivano i BAD RELIGION per un'unica data italiana Domenica 3 Febbraio 2002 al Rolling Stone di Milano, Corso XXII Marzo 32.
Bad Religion: i veri padri del punk rock melodico!
Attivi dal 1982, incarnano l'essenza del punk. Senza di loro, gruppi come The Offspring e Blink 182 non si sarebbero forse mai formati. “The Process Of Belief”, in uscita in Italia il 21 Gennaio, segna il rientro nella formazione di Brett Gurewitz, membro fondatore del gruppo, ritiratosi per qualche anno per seguire la propria etichetta discografica (Epitaph Records), ormai diventata un simbolo del punk rock a livello mondiale. Brett , oltre ad essere il fondatore della band e fondatore della Epitaph (che ha portato alla ribalta gruppi come OFFSPRING, RANCID,NO FX), ha anche un'altra etichetta discografica Anti, che ha in cast artisti come TOM WAITS, TRICKY . Dopo lo scioglimento dei RAMONES, i BAD RELIGION restano l'unica band in grado di raccogliere ai loro concerti diverse generazioni di punk. La loro musica ha una ritmica furiosa e chitarre taglienti tipiche del punk rock, ma quando entrano le voci, è sorprendentemente armoniosa e emotivamente evocativa, ricorda i Beatles o gli Everly Brothers. E' una contraddizione che ottiene un effetto stupefacente.. ed è anche il motivo per cui i BAD RELIGION sono considerati una delle più originali band rock. Chiamare i BAD RELIGION semplicemente punk band è come cercare di etichettare gli Who come mod band, o i Beach Boys come surf music. E' vero che queste bands sono state definite da tempi e luoghi in cui sono cresciute – e, allo stesso modo, si può ancora sentire l'eco dei BAD RELIGION sulla scena punk di Los Angeles. Però, come altri gruppi anche i BAD RELIGION hanno onorato le loro origini, ma poi le hanno completamente trascese. Lo sforzo del nuovo album, “The Process of Belief”, è proprio la completa evoluzione della musica punk: è un disco che ridefinisce con successo un genere che la band stessa ha contribuito a rendere popolare. Questo disco soddisfa come nessun altro, gli amanti del punk; ma… per chi semplicemente cerca un disco rock in questo lavoro trova un incredibile vitalità e spirito rock. Greg Graffin (voce) e Brett Gurewitz (chitarre), i due compositori della band, sono tornati a lavorare insieme, dopo un periodo di distacco. E, questa rinnovata collaborazione sembra aver portato la band ad una nuova vetta.
I BAD RELIGION, saliranno sul palco del ROLLING STONE di MILANO, il 3 febbraio 2002 - per l'unico concerto che terranno in Italia – con la seguente formazione:

GREG GRAFFIN (voce)
BRETT GUREWITZ (chitarre)
JAY BENTLEY (basso)
GREG HETSON (chitarre)
BRIAN BAKER (chitarre)
BROOKS WACKERMAN (batteria).

I biglietti sono già in vendita in tutte le abituali prevendite.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.