Addio a Billy Strange

E' morto a Nashville all'età di 81 anni per cause non ancora rese note Billy Strange (nella foto, a destra), autore e chitarrista che collaborò con, tra gli altri, Elvis Presley, Frank Sinatra, Sammy Davis Jr, Wanda Jackson e i Beach Boys: mentre per il Re del rock l'artista si limitò a scrivere (con Mac Davis) brani come "A little less conversation" (che, pubblicata originariamente nel 1968, non riscosse particolare successo, per poi imporsi all'attenzione del grande pubblico solo nel 2001 grazie al remix di Junkie XL, inserito nella colonna sonora del fortunato "Ocean's 11"), per la band di Brian Wilson Strange contribuì anche come musicista, suonando diverse tracce di chitarra nel corso delle session del leggendario "Pet sounds".

Ancora più intensa fu la relazione professionale con .Nancy Sinatra (nella foto, a sinistra): oltre ad arrangiare quasi tutti i brani prodotti negli anni Sessanta da Lee Hazlewood - compreso "These boots are made for walking", caratterizzato dall'inconfondibile glissando di chitarra sulla parte finale del ritornello e riportato in auge, in tempi recenti, dalla rilettura dei Planet Funk -, Strange lavorò alla versione non strumentale del tema di 007 "You only live twice" ("Si vive solo due volte") e il duetto con The Voice sulla storica "Something stupid", poi ripresa anni dopo dalla coppia Robbie Williams - Nicole Kidman.

Contenuto non disponibile










Come chitarrista, tra le sue prove più brillanti è da ricordare l'arrangiamento di "Bang bang", sempre per Nancy Sinatra, caratterizzato dal massiccio uso del tremolo.



Come cantante, è da ricordare il doppiaggio a Steve McQueen nelle parti musicali del film "Baby the rain must fall" del 1965.
"Il mio cuore è distrutto", ha fatto sapere Nancy Sinatra per mezzo del proprio canale ufficiale Twitter.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.