Anita Baker chiede i danni alla Zomba

Anita Baker vuole 200.000 dollari dalla Zomba Recording Corporation. La cantante infatti ha chiesto i danni per via di complicanze tecniche avvenute in studio di registrazione, dove sta realizzando il suo nuovo, attesissimo album. La Baker ha dichiarato che il 24 piste che ha noleggiato dalla Dreamhire (sussidiara della Zomba), ha seriamente compromesso il suo lavoro, producendo del rumore di fondo che non può essere rimosso. Questa apparecchiatura è in uso dalla cantante ormai dall’agosto 2000 e il nuovo materiale doveva servire per il suo nuovo album, il primo dopo quello del ’94, “Rhythm of love”, ma ormai è inutilizzabile. Oltre al danno evidente alle registrazioni, la Baker ha portato alla Zomba un conto di 500.000 dollari, tra costi di viaggio e pagamenti a produttori, musicisti, autori e coristi.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.