Flo Rida condannato al ‘rehab’

Flo Rida ha raggiunto un accordo per archiviare l’accusa di guida in stato d’ebbrezza. Il rapper (vero nome Tramar Dillard), ha accettato di partecipare al programma chiamato “Back on track” che prevede dei servizi per la comunità e alcune sedute con gli alcolisti anonimi. Essendo al primo arresto per questo reato noto in America come “DUI” (Driving under the influence), l’accusa di guida per ubriachezza cadrà e resterà solo quella di guida pericolosa. Per raggiungere questo traguardo importante per la sua fedina penale, Flo Rida dovrà comportarsi bene e obbedire all’ordine emesso dal guidice dimostrando d’aver regalato alla comunità il suo prezioso tempo e di aver perso il vizio del bere. L’arresto risale allo scorso 6 giugno quando Flo è stato pizzicato dalla stradale a guidare come un pazzo per le strade di Miami alle quattro del mattino la sua Bugatti del 2008. Con il doppio dei limiti consentiti di alcol nel sangue, il rapper è stato poi ammanettato e chiamato a comparire in tribunale.

 

 

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.