George Harrison chiede maggiore attenzione per le malattie mentali

George Harrison e sua moglie Olivia hanno richiamato l'attenzione del Governo inglese sulla legislazione inerente alle malattie mentali. Lo scorso anno, i due furono brutalmente attaccati da Michael Abram, lasciato circolare liberamente nonostante i medici gli avessero diagnosticato gravi disturbi mentali dovuti all'assuefazione agli stupefacenti. Abram finì sotto processo per tentato omicidio, ma non venne riconosciuto colpevole vista la sua condizione di insanità mentale (vedi news).
In una lettera al quotidiano Independent, Harrison scrive: "Dal giorno dell'aggressione abbiamo ricevuto un sacco di lettere da persone che hanno subito terribili attacchi da individui malati mentalmente. È chiaro che servono dei criteri più restrittivi".
Anche la sorella dell'ex Beatles aderisce all'iniziativa, richiedendo da parte dei governi una maggiore attenzione rispetto questo problema e non lasciare completamente abbandonate a se stesse persone che soffrono di disturbi così gravi.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.