George Harrison rifà 'My sweet lord' e ringrazia Phil Collins

George Harrison ha inciso una nuova versione di uno dei suoi più grandi successi come solista, “My sweet lord”. Il chitarrista intende aggiungerla ad un’edizione speciale di “All things must pass”, triplo album con cui inaugurò nel migliore dei modi il dopo-Beatles, del quale ricorre il trentennale. Nell’edizione speciale del disco ci sono quattro brani in più rispetto all’originale: uno di questi è “I live for you”, scartata dalle sessions. Tra i musicisti di tutto rispetto che parteciparono all’incisione (tra questi, Eric Clapton, Ringo Starr, Billy Preston) Harrison ha aggiunto un nome assente dalle note di copertina del 1970. Si tratta di Phil Collins, allora uno sconosciuto percussionista. Non ancora unitosi ai Genesis, Collins suonò i bonghi in “The art of dying”.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.