Everlast non parla che di Eminem

Everlast si è dichiarato vincitore nella guerra di insulti con Eminem: durante un concerto a New York ha infatti dichiarato: “Ho sentito alla radio che si era offeso per delle ca***te che ho detto. Immagino che questo significhi che ho vinto io. Cavolo, cosa si può dire per offendere uno come lui?”. Ma per tutto il concerto, il suo pensiero è sembrato rivolgersi al rivale. Quando ha imbracciato la chitarra, ha detto: “Ecco il mio fucile, New York. Questo è per chi se lo merita. Eminem, vaffa… Io faccio canzoni, lui fa canzoni”. Poi ha dedicato la vecchia “Jump around” all’avversario: “Probabilmente è questa che gli ha fatto venir voglia di fare il rapper”, ed infinte ha cantato “Whitey’s revenge” invitando “Il vero Slim Shady a farsi vivo: possiamo fare a botte, metti giù il microfono, e ne prenderai tante”.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.