Billy Corgan: 'vengo a vivere in Italia'

Billy Corgan: 'vengo a vivere in Italia'
La saga continua. Dopo il documento programmatico dedicato alla salvezza dei propri fan, il quasi-ex-Smashing Pumpkins ha dichiarato che vorrebbe venire a vivere in Italia.
La dichiarazione è stata rilasciata al quotidiano Irish Times. Corgan, dando per scontata la non certa vittora di Bush, si è dichirato così preoccupato per la crisi americana che sta pensando di emigrare. "Il sistema politico è così corrotto... Ho paura che Bush cambierà il sistema sociale americano riportandoci indietro ai giorni dell'esercito forte e promuovendo una qualche idea di "visione americana" che non è mai stata reale. Non voglio più vivere negli Sstati Uniti, sto seriamente pensando di andarmene a vivere da qualche altra parte. Magari in Italia".
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.