Improbabile ma vero: MacGowan (ex-Pogues) lavora per Ronan Keating

Shane MacGowan, ex Pogues, ha scritto una canzone per Ronan Keating dei Boyzone.

Del brano non si sa ancora nulla, ma è intanto emerso che i due, coppia piuttosto improbabile, sono diventati amici. Tutto è partito quando il volto dei Boyzone, ultimamente più popolare come solista, ha chiesto all’esuberante leader dei Popes (ammesso che esistano ancora) di utilizzare la sua versione di “Fairytale of New York”, uno dei migliori brani natalizi del pop internazionale. Ma Ronan ha fatto parallelamente sapere a Shane che avrebbe voluto togliere i passaggi più scurrili, come ad esempio “You scumbag, you maggot/You cheap lousy faggot/Happy Christmas your arse”. Shane non ha battuto ciglio ed ha approvato le modifiche. Il risultato è che “Fairytale…” apparirà sul prossimo singolo di Ronan, “The way you make me feel”, con Marie Brennan dei Clannad al posto di Kirsty MacColl, e che Shane ha scritto un nuovo pezzo per il giovane leader dei ‘Zone.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.