John Lydon, attacchi a Jay-Z e Green Day (e complimenti a Lady Gaga)

Non perde occasione di far discutere (e di farsi nuovi amici) John Lydon, il già Johnny Rotten dei Sex Pistols poi alla guida dei P.I.L. (attesi il prossimo 8 luglio a Azzano Decimo, Pordenone): il decano del punk britannico ha attaccato nelle ultime ore due pesi massimi della scena rock e hip-hop internazionale, ovvero i Green Day e Jay-Z Circa la band guidata da Billie Joe Armstrong, il cantante ha espresso tutto il proprio disgusto storpiandone addirittura il nome: "Molte band punk sono solo l'imitazione di altre, e questo ha reso le cose molto facili per quelli come i Green Peace.

Cioé i Green Day, o come accidenti si chiamano. Li odio. Davvero, non li sopporto. Per me non sono altro che appendiabiti, e non credo si siano mai guidagnati davvero il diritto di potersi ammantare di qualsiasi cosa abbia a che fare col punk. Non sono stati costretti a passare attraverso la violenza, la sofferenza e l'odio che c'erano quando i gruppi che il punk l'hanno inventato hanno mosso i primi passi. Voglio dire, noi abbiamo dovuto lottare per ogni centimetro che abbiamo guadagnato. Cosa penso del loro .spettacolo finito a Broadway? Nulla di buono. A questo punto preferisco Lady Gaga, che credo sia pazza per davvero. Prendete i suoi testi, per esempio: sono molto belli, niente da dire. E poi, di fronte ad un'industria musicale così decadente e corrotta, ben venga una manipolatrice come lei che la sappia tenere a bada: tanto di cappello". Su Jay-Z, suo diretto concorrente ai prossimi NME Shockwave Awards, Lydon non è stato meno tenero che con i Green Day: "Jay-Z? Cosa? Mi spaventa quanto ai miei occhi appaia come una parodia: credo che come artista non abbia alcun senso. Non l'ho mai incontrato, ma mi sono esibito in contemporanea a lui due volte, una volta al Coachella in California e l'altra volta da qualche parte in Polonia, tutte e due le volte, quando ho iniziato a suonare io gran parte del pubblico è corsa sotto il mio palco. E credo che lui l'abbia notato". Potevano forse mancare, a proposito di libri, due paroline gentili su "Life", il nuovo volume autobiografico scritto da Keith Richards? "Non l'ho letto, ma ho sentito dire che è solo zeppo di storielle da ragazzine su armi, droghe e donne...".

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.