Il debutto di Leona Naess, canzoni agrodolci per parlare di sentimenti

Il suo album era atteso per l’estate 1999 ma, causa una serie di vicissitudini legate alla fusione Polygram/Universal, “Comatised” esce solo ora, anticipato da un singolo, “Charm attack”, che ha avuto un’ottima accoglienza nel mercato Usa, tanto da essere stato incluso nella colonna sonora di un teen-movie di prossima uscita, “Whatever it takes”. Lei è Leona Naess, venticinquenne nata a New York da genitori (separati) di origine norvegese e svedese, cresciuta a Londra e poi ritrasferitasi nella Grande Mela, dove ha iniziato a suonare dal vivo nei club. “Suonare in ambienti così piccoli è rischioso, perché la gente ti critica e a volte è cattiva. A me è successo quando ho presentato la canzone ‘Comatised’ e uno mi ha detto: ‘vorrai dire ‘Comatose’?’ Il fatto è che io sono dislessica e il termine ‘comatised’ è nato proprio da un mio errore di scrittura, è un termine che ho inventato e che poi mi è piaciuto. Perché ‘Comatised’, per me, non vuol dire che sei in stato comatoso ma che sei ‘comatizzato’, che sei uscito dal coma e senti tutto con forza devastante. E’ quando sei sensibile anche alle sciocchezze e tutto ti ferisce”. Leona Naess ha iniziato a suonare la chitarra a 14 anni, “per sfogare il dolore che sentivo a volte, e per sentirmi diversa. Avrei potuto scegliere vie molto più distruttive per sentirmi speciale: fortunatamente ho scelto la musica”. Le influenze musicali convogliate nella sua musica sono varie, e vanno dai Cure e i New Order a Joni Mitchell, Bob Dylan, John Lennon, fino a Sinead O’Connor. “Da sempre ascolto molta musica e varia, anche perché, quando conosco nuove persone, mi piace entrare nel loro mondo musicale: è come ricevere un regalo, che rimane per sempre, qualunque sia il destino di quella relazione”. Ed è di relazioni, di affetti, di amicizia, di famiglia, che Leona Naess parla nelle canzoni del suo album di debutto: “Da quando scrivo canzoni parlo di sentimenti, non solo dell’amore, o meglio, delle tante facce dell’amore. E’ l’unico sentimento davvero universale”. Le canzoni di “Comatised” – presentate nel booklet del Cd con una bizzarra pagellina a simboli – mettono in evidenza le doti vocali di Leona Naess, capace ora di accarezzare le note con delicatezza e poi di sorprendere con improvvise durezze, alternando brani che ricordano l’essenzialità, per fare un nome, di una cantautrice come Suzanne Vega, con canzoni in cui l’impasto sonoro si allontana dal minimalismo della semplice chitarra per regalare sonorità più complesse, più interessanti ed evocative (“Lazy days”, “Lonely boy” e “Anything”). Il disco è stato prodotto da Tommy D (Catatonia) - con un intervento di Scotto Litt (R.E.M.) - che ha lasciato via libera alle sperimentazioni di Leona Naess: “Ci siamo concentrati sul creare innanzitutto dei ritmi che fossero d’impatto, utilizzando strumenti diversi dal solito, perché volevamo un suono capace di trasmettere certe sensazioni prima ancora delle parole”. E nonostante “Charm attack” sia ormai un hit, le canzoni che Leona Naess preferisce sono altre: “Voglio che la gente si renda conto che io non sono solo quella di ‘Charm attack”, sono anche ‘Comatised’ e ‘Paper thin’. Non sono una persona introversa, ma sulle cose amo riflettere”.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.