Il fisco insegue Kelly Rowland

Il fisco insegue Kelly Rowland

Kelly Rowland deve al fisco americano 98.634 dollari. L’ex Destiny’s Child ha ricevuto una cartella esattoriale che denuncia una serie di mancati pagamenti da parte sua e che l’IRS pretende in tempi brevi. La Rowland così entra in una lista sempre crescente di cantanti e rapper nel mirino del fisco negli ultimi mesi e che include nomi come Toni Braxton, Omarion, Snoop Dogg, Young Buck e Lil Wayne. Di certo, dallo scioglimento delle Destiny’s Child, la Rowland non ha più beneficiato di grossi incassi, anzi ha avuto difficoltà a tenere in piedi la sua carriera, rinvigorita solo grazie al suo lavoro con il producer francese, David Guetta. Da quando poi ha licenziato il suo vecchio manager, Mathew Knowles (padre di Beyonce), notevoli sono stati anche i problemi per la registrazione e pubblicazione del suo nuovo disco. Il terzo album, “Forever and a day”, dovrebbe uscire nel 2011.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.