Gli Afghan Whigs denunciano il locale della rissa

Gli Afghan Whigs denunciano il locale della rissa
Nella terza, e ci auguriamo ultima, puntata della saga “Afghan Whigs & teste rotte”, è da segnalare la denuncia presentata dal gruppo del recente “1965” contro il locale in cui il leader Greg Dulli (vedi sezione Artisti) ha riportato una frattura al cranio in seguito ad una rissa. A confermare la denuncia contro il Liberty Lunch, il locale di Austin, Texas, teatro dell’episodio, è stato un portavoce della Columbia, l’etichetta dei Whigs. Secondo il portavoce, la denuncia è stata presentata a Travis Tempe, Texas. La gravità del fatto sembra comunque stemperarsi col tempo: secondo l’ultima versione, c’è sì stata una rissa notturna all’interno del locale, ma Dulli si sarebbe infortunato scivolando e non per un attacco diretto.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.