Charlatans e Stone Roses, torna la faida

Charlatans e Stone Roses, torna la faida
Oasis e Blur? Ma no, la più resistente tra le diatribe del decennio, anche se un po' sbiadita dal declino dei protagonisti, è quella che divide Charlatans e Stone Roses. A distanza di anni, i cantanti dei due gruppi non smettono di insultarsi. Ian Brown, ex frontman degli Stone Roses, ha sempre accusato Tim Burgess di copiarlo. L'anno scorso Brown disse che i suoi familiari, vedendo Burgess in tv, si erano messi a ridere perché pensavano che fosse un comico che faceva il verso a Ian, e solo dopo avevano capito che il cantante dei Charlatans non scherzava. Ebbene, a distanza di un anno, arriva la replica di Burgess. «E' triste che invece di insultarmi di persona si nasconda dietro la sua famiglia. Cosa crede, che ogni volta che salgo sul palco pensi al vecchio derelitto Brown? Ha dei problemi, deve essere paranoico. Che cosa patetica».
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.