Coolio finisce di nuovo in manette

Il rapper americano Coolio non ne vuole sapere proprio di “fare il bravo” e finisce in manette un’altra volta. L’autore di “Gangsta’s Paradise” è stato fermato dalla polizia di Los Angeles perché con la sua auto procedeva contromano, ed è stato trovato in possesso di un po’ di marijuana e di una pistola non dichiarata. Tanto per aggravare la situazione, Coolio aveva anche la patente scaduta. Ora il rapper americano dovrà rispondere delle varie accuse in tribunale il prossimo ottobre.
Tempo fa (per l’esattezza lo scorso novembre) il cantante, assieme a sei membri della sua band, era stato incriminato in Germania (vedere Archivio) per furto ed aggressione, dopo aver picchiato la commessa di un negozio ed aver tentato di rubare della merce.

Coolio, che ha 35 anni e nella realtà si chiama Artis Ivey, nel 1996 ha vinto un Grammmy Award proprio per “Gangsta’s Paradise”.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.